Oristano

Oristano inaugura il Centro Internazionale per la Ricerca sulle Civiltà Egee

Il Sindaco Andrea Lutzu e l’Assessore Massimiliano Sanna: “Aggiunto un altro tassello alla cultura della nostra città”

Oristano inaugura il Centro Internazionale per la Ricerca sulle Civiltà Egee

Di: Antonio Caria


È stato inaugurato nei giorni scorsi, il Centro Internazionale per la Ricerca sulle Civiltà Ege.

L’iniziativa è frutto della collaborazione fra l’Università degli Studi di Sassari, Comune di Oristano e il Consorzio Uno (Scuola di Specializzazione in Archeologia dell’Università di Sassari)

La cerimonia, preceduta nella Sala consiliare del Comune di Oristano da una conferenza di Athanasia Kanta sulle ultime ricerche a Pyla-Kokkinokremos e sui rapporti fra Cipro e la Sardegna alla fine dell’età del Bronzo, si è svolta nel Museo Antiquarium Arborense

“Un altro importante tassello è stato aggiunto nel panorama culturale della nostra città – commentano con soddisfazione il Sindaco Andrea Lutzu e l’Assessore alla Cultura Massimiliano Sanna -. La città diventa un punto di riferimento a livello internazionale per chiunque intenda svolgere studi e ricerche in questo settore”.

Sanna ha  anche sottolineato come “L’apertura di CIRCE sia stata resa possibile dalla fondamentale collaborazione con l'Università di Sassari e dall’impegno del professor Raimondo Zucca che ha proposto all'amministrazione comunale questo progetto. Abbiamo immediatamente colto l’importanza strategica del Centro sulle civiltà egee e fatto tutto il possibile per consentirne l’attivazione. È doveroso rivolgere un grande ringraziamento al professor Perna per aver chiesto l'istituzione del Centro a Oristano e aver costituito presso il museo comunale il preziosissimo fondo librario e archivistico di valore internazionale di archeologia cipriota e scritture egee, degli studiosi Olivier e Vandenabeele”.

“Nel rimarcare la rilevante opportunità offerta a studenti, ricercatori e appassionati di approfondire gli studi e le ricerche sulle Civiltà Egee, esprimo la mia gratitudine al professor Perna per aver voluto CIRCE ad Oristano – ha concluso l’Assessore -. È la dimostrazione che la nostra città ha le potenzialità culturali per accogliere iniziative e progetti di rilevanza internazionale”.

La direzione scientifica del Centro è stata affidata a Massimo Perna (docente dell’Ateneo di Sassari presso la Scuola di Specializzazione a Oristano e dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli).

Il centro, dedicato a Pierre Carlier, insigne storico del mondo greco prematuramente scomparso e profondo conoscitore della società micenea, ospita il “Fondo archivistico-librario Jean-Pierre Olivier - Frieda Vandenabeele”, costituito dagli archivi e dalle biblioteche personali che i due studiosi hanno generosamente donato al Centro. L’archivio contiene la corrispondenza privata dello studioso con i massimi specialisti di egeistica e delle scritture cretesi e cipriote dagli anni ’60 ad oggi e una grande quantità di fotografie, disegni e calchi. La biblioteca è costituita da una vasta collezione di volumi, riviste ed estratti relativi alle scritture egee; quella di Vandenabeele è fra le più ricche collezioni librarie di archeologia cipriota oggi esistenti in Europa. In entrambe le biblioteche sono presenti le principali pubblicazioni e riviste di archeologia minoica e micenea.

L’intento è quello  di promuovere lo studio delle civiltà egee in un momento in cui molte istituzioni in Italia e all’estero stanno rinunciando a mantenere insegnamenti e a finanziare progetti di ricerca su queste antichissime civiltà, nonché a promuovere la conoscenza, anche fuori dall’Italia, della civiltà nuragica, che ha prodotto realtà architettoniche del massimo interesse in ambito preistorico.

Inoltre, il Circe  ha come altro obiettivo quello di accogliere studenti, dottorandi e ricercatori italiani e stranieri, che vogliano trascorrere a Oristano un periodo di studi approfittando del patrimonio librario ivi conservato e dell’Archivio Olivier.

A questo proposito, dal 2020 saranno messe a disposizione alcune borse di studio per giovani studiosi. Sono previsti seminari, che studiosi italiani e stranieri terranno a beneficio di studenti, dottorandi, ricercatori e borsisti, su temi legati all’archeologia e alle scritture egee.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop