Cagliari

“Sa Festa de is Launeddas 2017”

Appuntamento sabato 2 e domenica 3 dicembre con l'evento nel quale si riuniscono suonatori, costruttori, appassionati, studiosi dello strumento musicale sardo per eccellenza

“Sa Festa de is Launeddas 2017”

Di: Il Consiglio Direttivo di Assòtziu Launeddas Sardìnnia


Sabato 2 e domenica 3 dicembre 2017 si terrà la seconda edizione de “Sa Festa de is Launeddas”, l'evento a cadenza annuale nel quale si riuniscono suonatori, costruttori, appassionati, studiosi dello strumento musicale sardo per eccellenza. La manifestazione è organizzata da Assòtziu Launeddas Sardìnnia, l’associazione di tutela e promozione che riunisce i suonatori e le associazioni di tutte le zone della Sardegna e si terrà nei locali del Lazzaretto di Cagliari.

Alla luce del grande risultato ottenuto lo scorso anno, anche per questa edizione abbiamo voluto ribadire lo stile che ci contraddistingue per la collaborazione, l’importanza dei temi scelti e per il forte coinvolgimento dei ragazzi delle scuole.

L’evento è patrocinato dal Comune di Cagliari e dall’Assessorato al Turismo, Commercio e Artigianato della Regione Autonoma della Sardegna.

CONFERENZA-CONCERTO

Come suggerisce il titolo della manifestazione, “Le radici di un suono”, la conferenza-concerto, che si terrà il sabato sera percorrerà una linea del tempo che dimostrerà allo spettatore, in modo semplice e coinvolgente, le fasi fondamentali nella creazione della musica delle Launeddas: dalle materie prime fino ai tipi di accordature e di suonate, passando per le misure e le tecniche che rendono il nostro suono unico.

Alternando alcune esecuzioni di brani dal vivo con relazioni e dimostrazioni, si affronteranno i temi fondamentali della tutela dello strumento. Grazie al contributo di relatori esperti si parlerà dunque della cura e della raccolta della canna, l’elemento naturale indispensabile che purtroppo oggi necessita di particolari tutele, per via delle sue specificità di habitat e di crescita. Saranno analizzate con un linguaggio accessibile a tutti anche le fasi costruttive e le relative problematiche, riservando un importante spazio ai punti cardine della tradizione ma anche alle innovazioni ed alle “electroneddas”, le launeddas elettroniche, per poter discutere degli obiettivi auspicabili e proporre nuove idee e soluzioni per il futuro.

Tra gli interventi istituzionali vi sarà quello del rappresentante del Conservatorio di Musica di Cagliari “Pierluigi da Palestrina”, che presenterà l’inedito corso di livello accademico in Musiche Tradizionali con l’indirizzo strumentale in Launeddas.

Attraverso il patrocinio di CAMPOS (Cordinamentu Artis Musicalis e Poeticas de Traditzioni Orali de Sardigna) saranno ospitate anche altre Arti musicali sarde di tradizione orale, con le quali Assòtziu ha da alcuni anni intrapreso un percorso comune.

Verrà presentato inoltre il secondo numero della nostra rivista divulgativa “Cuntzertus, annuariu de is Launeddas ”, che a cadenza annuale pubblica gli eventi, le ricerche e le rubriche atte a diffondere la conoscenza sul nostro strumento.

La serata proseguirà fino a tardi con balli ed esibizioni musicali dei numerosi suonatori e ballerini presenti.

FOTO DI TOMMASO DELPIANO

LABORATORI

Quest’anno è previsto un incremento degli incontri didattici che i soci terranno in varie scuole della Sardegna, ma anche dei laboratori pratici che verranno allestiti nella sede del Lazzaretto. Le sale dedicate saranno aperte dalle 9 alle 20 per entrambi i giorni di sabato e domenica. La mattina i vari costruttori e suonatori accoglieranno molte decine di studenti delle scuole secondarie e saranno disponibili per le dimostrazioni e le spiegazioni alle quali i visitatori potranno partecipare attivamente durante tutto il giorno, provare gli strumenti, partecipare alla costruzione ed esercitarsi nella tecnica del fiato continuo. Vi sarà anche una sala dedicata alla discografia ed alle pubblicazioni finora prodotte.

SA DOMU DE IS LAUNEDDAS

In questa seconda edizione ci sarà anche un’altra grande novità: verrà inaugurato il progetto “Sa Domu de is Launeddas”. Già dallo scorso anno, sia in apertura della conferenza che nell’articolo introduttivo dell’Annuario, avevamo annunciato la nostra aspirazione a creare un “luogo” di incontro, una casa che possa accogliere chiunque desidera conoscere, approfondire, condividere o semplicemente avvicinarsi al fantastico mondo delle Launeddas.

Ogni luogo in cui saranno aperte le porte per accogliere Assòtziu Launeddas Sardìnnia diventerà la casa delle Launeddas. Il Maestro Dionigi Burranca diceva: “le Launeddas sono grandi, e fanno il nido ovunque vengono accolte”. Così noi, come avviene per Sa Festa, costruiremo la nostra casa in ogni posto in cui le persone accoglieranno con sincerità e passione i nostri strumenti e la nostra musica. Il progetto prevede una rete di comuni, scuole ed enti che vi aderiranno e collaboreranno con Assòtziu e nelle cui sedi noi apporremo il nostro sigillo ed esplicheremo durate l’anno le nostre attività periodiche di divulgazione e di laboratorio. Ogni città, ente o scuola potrà essere sede di una “Domu de is Launeddas” in cui i nostri soci e collaboratori potranno far conoscere ed amare alle nuove generazioni la nostra cultura musicale.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop