Asuni

Al Museo dell’Emigrazione in arrivo le opere di Alejandro Robles e Lea Gramsdorff

Le mostre saranno inaugurate in concomitanza con l’arrivo della carovana del “Terre di Confine Film Festival”

Al Museo dell’Emigrazione in arrivo le opere di Alejandro Robles e Lea Gramsdorff

Di: Antonio Caria


Dal 15 marzo Il Museo dell’Emigrazione di Asuni si tingerà di nuovi colori  grazie alle opere dell’architetto cileno Alejandro Robles e dell’attrice e artista italo-tedesca Lea Gramsdorff.

La prima è “Sentieri da minotauri” di Robles, curata da Bianca Laura Petretto, sarà inaugurata alle 11.30 nella Casa Porcu Cau (Centro di documentazione), dove resterà aperta sino al 27 marzo. È un viaggio attraverso l’identità e la comunicazione, nel quale l’artista sudamericano propone uno sguardo contemporaneo dell’uomo quotidiano e uno spaccato di brandelli di una comunità in movimento, quella del Cile, ma anche dell’umanità in transito. 

La seconda, Exodus.4, di Lea Gramsdorff, sarà inaugurata alle 20.30 e visitabile sino al 31. L’esposizione, presentata da Efisio Carbone, costituisce la quarta tappa della ricerca sul tema dell’Esodo, iniziata nel 2012 con la mostra “Exodus” nello Spazio (In)visibile di Cagliari a cura di Ines Richter.

Le opere sono realizzate su carte nautiche sulle quali la geografia è riscritta e attraversata da centinaia di figure umane miniaturizzate. Nello stesso giorno ad Asuni arriverà anche la carovana della dodicesima edizione del “Terre di Confine Film Festival”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardiniaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop