Mamutzones | Samugheo


DESCRIZIONE DELLA MASCHERA

I Mamutzones di Samugheo si inseriscono nel ricchissimo ed originale repertorio carnevalesco delle zone interne dell’isola, dove il culto della tradizione è ancora vivissimo. Le maschere di Samugheo sono state recuperate agli inizi degli anni '80. Anche se il loro significato primitivo si è in parte perduto, esse rappresentano a un tempo la passione e la morte di Dionisio, dio della vegetazione, le cui feste si celebravano in quasi tutte le antiche società agrarie.

Dionisio, il dio che ogni anno moriva e rinasceva, come la vegetazione, è rappresentato dalla maschera zoomorfa de S’Urtzu, che indossa una intera pelle di capro, con la testa attaccata. Il capro era infatti la forma più frequente nella quale il dio si manifestava. La rappresentazione della sua passione, che in tempi lontani era una cerimonia sacra, in periodo cristiano venne banalizzata e declassata a semplice maschera carnevalesca. In questa forma è giunta fino al nostro secolo.

S’Urtzu, tenuto per la vita da Su Omadore, il suo guardiano, ogni tanto cade a terra fingendo la passione che precede la sua morte. Le maschere dei Mamutzones rappresentavano invece i seguaci di Dionisio. Si vestono di pelli e nascondono il volto con un copricapo di sughero munito di autentiche corna caprine, cercano di raggiungere l’estasi dionisiaca lasciandosi possedere dal dio per rendersi simili a lui. Ogni tanto circondano S’Urtzu e gli danzano intorno.

Foto Annamaria Deias


Un tempo tutti i Mamutzones portavano con sé un bastone avvolto di pervinca o di edera, a somiglianza del Tirso. Essendo tale strumento alquanto ingombrante, oggi viene portato solo da qualche maschera e da colui che conduce il gruppo. I sonagli hanno significato apotropaico, vogliono cioè, col loro suono, tenere lontani dalla cerimonia gli spiriti del male.

La prima uscita dei Mamutzones è prevista la vigilia di Sant'Antonio, il 16 gennaio. L’appuntamento più importante è quello del carnevale “A Maimone", Su carrasegare Antigu Samughesu, che si tiene a febbraio, dove oltre ai gruppi più importanti della Sardegna si esibiscono anche gruppi provenienti dalla penisola e dall’estero.

Vari gemellaggi sono stati fatti, oltre che con i carnevali sardi, con diversi gruppi di tutta Europa dalla Francia alla Spagna, Ungheria, Slovenia, Portogallo, Repubblica Ceca e poi Lombardia, Piemonte, Basilicata, Molise. 

TUTTE LE MASCHERE ETNICHE PROTAGONISTE

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop