Gruppo Folk "Tiscali" | Dorgali


STORIA DELL'ASSOCIAZIONE

Il Gruppo Fok “Tiscali“ di Dorgali nasce nel gennaio del 2001 ed è composta da quaranta soci, con un’età che varia dai 15 ai 60 anni. Tutti sono accomunati dall’amore per la cultura, la lingua e le tradizioni della nostra terra. Nonostante la giovane età anagrafica dell’associazione, parte dei soci ha già militato per lunghi anni in un altro gruppo folcloristico e dispone quindi di una valida esperienza in questo campo.

Il direttore artistico Tonino Spanu vanta una lunghissima esperienza nel campo della ricerca e della valorizzazione della cultura e delle Tradizioni Popolari della Sardegna in generale e di Dorgali in particolare e nel 2018 ha festeggiato i 50 anni di attività.

L‘associazione vuole prima di tutto essere un centro di cultura orientato alla ricerca storica seria e al rispetto delle peculiarità che caratterizzano tutta la tradizione dorgalese, non ultima la completezza e l’eleganza del costume indossato nelle sue varianti, unito alla sobrietà,alla compostezza e allo stile nell’esecuzione dei balli.

I balli di Dorgali sono quattro: ballu e tres passos, ballu e ischina, ballu torrau, ballu e ischina anticu. Tutto questo bagaglio di cultura e di esperienza viene messo a disposizione dei giovani che entrano a far parte dell‘associazione.

Dal 2002 opera una scuola di ballo per bambini con un’età che varia dagli otto ai dodici anni. Dal mese di ottobre 2003 è stato attivato un corso di ballo per adulti esterni all’associazione. Il gruppo ha partecipato alle più importanti manifestazioni folcloristiche regionali e internazionali e nel 2003 organizza il 1° Festival Internazionale del Folklore, diventa membro del C.I.O.F.F. Italia e porta avanti questo evento fino al 2017.


ABBIGLIAMENTO FEMMINILE

L’abbigliamento femminile si compone di:

-         Camisa: camicia di cotone bianca con un leggero velo di azzurrina, impreziosita al collo, al petto e ai polsi con finissimi ricami con motivi floreali o motivi geometrici. Sul petto porta una fine plissettatura.

-         Zippone de broccadu: corpetto di panno rosso all’interno, con all’esterno inserzioni di broccati nelle tonalità di color rosso, bianco, rosa. Dalle aperture sotto le ascelle e agli avambracci fuoriescono sbuffi di camicia. Sugli avambracci presenta una serie di asole a cui si applicava sa butonera, una serie di bottoni d’argento. Ai polsi viene fermato da un bottone d’oro e da un fiocco.

-         Tunica: gonna di orbace nera finemente plissettata. All’estremità inferiore porta una fascia di seta ricamata alta da 15 a 20 centimetri.

-         Zimusa: fascia di stoffa ricamata alta che viene avvolta in vita e serve a coprire l’attaccatura della gonna sulla camicia.

-         Cosso: reggiseno di broccato che viene portato esternamente sulla camicia e che oltre alla sua naturale funzione, serve a tenere in ordine la plissettatura della camicia stessa.

-         Antalena: grembiule di seta nera, ricamato da un prezioso pizzo.

-         Pannuzzu de seda: scialle di seta pura damascata con lunghe frangie, nelle tonalità dei colori viola, verde, blu, nocciola, rosa antico.

Lo scialle poggia sul capo sulla tipica acconciatura dorgalese: sos cuccos. Sulla nuca vengono formate due trecce che legate fra di loro e fasciate da un fazzoletto di lana colorata, formano un piccolo cuscino con due protuberanze laterali che faranno nascere sullo scialle la forma di un trapezio, stilizzando e rendendo ancora più elegante e slanciata la figura femminile.

Il vestito da vedova, Bistire de gattia, era composto da:

-         Camicia bianca come le altre varianti

-         Zipponenero di orbace con sovrapposizione di velluto con le maniche, dallo spacco sugli avambracci fuoriesce uno sbuffo di camicia. Ai polsi viene fermato da due bottoni di argento brunito.

-         Arvatzi: gonna di orbace nera con balza di seta sempre nera alta circa 30 centimetri.

Gli unici gioielli che la vedova può portare sono i bottoni d’oro alle asole del petto della camicia e la collana di onice nera.

-         Scialle: sul capo porta sempre uno scialle nero con le frange.


ABBIGLIAMENTO MASCHILE

L’abbigliamento maschile è composto da:

-         camicia e calzonidi tela bianca di cotone. La camicia è ricamata sul collo ed è tenuta chiusa da due bottoni in filigrana d’oro.

-         imbustu: corpetto di panno rosso con giustacuore di velluto nero a fiori.

-         zippone: corpetto a bolero di orbace nero, molto attillato con inserti di velluto nero. Dallo spacco delle maniche fuoriesce uno sbuffo di camicia bianco.

-         fraca: braghe di orbace plissettata tenuta in vita da due cinture di pelle lavorata.

-         carzas: uose di orbace nere legate sotto le ginocchia da cui fuoriesce il calzone bianco.

-         bervechina: giacca priva di maniche, di pelliccia nera di agnello o astrakan.

-         berritta: classico copricapo sardo di panno nero.


Gruppo Folk "Tiscali" | Dorgali

 Il costume femminile dorgalese è molto ricco di gioielli, frutto dell’oreficieria tradizionale molto fiorente nel nostro paese:

-         Zoiga: pendente in lamine e filigrana che viene legato al collo con un nastro di broccato.

-         Loricas: orecchini nelle varianti rodeddas, caliches, prudone

-         Ispillas: spille in filigrana, una piccola al petto e una più grande sul capo che fissa lo scialle all’acconciatura.

-         Zunchillu: delicata catena che fa un doppio giro intorno al collo

-         Collanas: bianca di madreperla, rossa di corallo, di onice nera per le vedove. Generalmente vengono portate in coppia.

-         Isprugadente: lunga catena d’argento legata a “su cosso” che scende dal petto giù sotto la vita. All’estremità sinistra porta “sa nuschera”, un’ampollina d’argento porta profumi. All’estremità destra invece, il vero e proprio “isprugadente”, un capretto stilizzato che sulla testa e sulla coda porta due uncini che dovrebbero fungere da nettaorecchie e nattadenti.

-         Butones: bottoni in filigrana d’oro che richiamano la forma del seno, simbolo di augurio di fertilità, tengono chiusa la camicia sul petto.

-         Corona del rosario: catena d’oro, grani di corallo e medaglione d’oro

TUTTI I GRUPPI FOLK PROTAGONISTI

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop