Cagliari

Cagliari-Atalanta 0-1 Muriel punisce un Cagliari che viene sconfitto con onore

La squadra di Zenga ha poi tenuto botta fino alla fine, rischiando qualcosa, ma rimanendo in partita e provandoci fino alla fine

Cagliari-Atalanta 0-1 Muriel punisce un Cagliari che viene sconfitto con onore

Di: Marco Orrù


Un Cagliari indomabile e con un grande cuore viene sconfitto alla Sardegna Arena dall’Atalanta per 1-0, a decidere la gara è un gol di Muriel su rigore dopo circa mezz’ora di gioco. I rossoblù sono rimasti in dieci per più di metà gara per il rosso al giovane Carboni, che ha anche decretato il rigore atalantino. In precedenza, sul risultato di 0-0, il Var ha annullato a Simeone un gol bellissimo per un fallo di mano molto, molto dubbio.

La squadra di Zenga ha poi tenuto botta fino alla fine, rischiando qualcosa, ma rimanendo in partita e provandoci fino alla fine. Sconfitta con onore dunque per il Cagliari che, purtroppo, in classifica viene superata da Sassuolo e Bologna. Ora, nel turno infrasettimanale, la sfida alla Fiorentina al Franchi. 

LA CRONACA

Mister Zenga recupera in extremis Walukiewicz e lo manda in campo a comporre il terzetto difensivo con Pisacane e Carboni; a sinistra Lykogiannis per lo squalificato Pellegrini, mentre sulla fascia destra c’è Ionita e non Mattiello; in mezzo il trio Nandez-Nainggolan-Rog. Davanti, Joao Pedro e Simeone. Ampio turnover nell’Atalanta che lascia in panchina il tridente delle meraviglie Ilicic-Gomez-Zapata. 

Avvio di marca atalantina. Al 9’ punizione di Malinovskyi, Cragno respinge come può, palla che arriva ad Hateboer che la mette dentro per Castagne, tiro del belga e ancora Cragno bravo a respingere, con l’arbitro che però ferma tutto per fuorigioco. All’11’, alla prima sortita offensiva, il Cagliari passa in vantaggio: Nainggolan per Simeone che tira a giro col destro, palla che supera Sportiello, davvero un gran gol.

Il Var però vede un fallo di mano di Simeone e l’arbitro annulla. Al 21’ Malinovskyi mette un bel pallone in mezzo per Pasalic che è solo a centro area, ma di testa manda fuori.

Due minuti dopo Muriel si libera di un difensore e si presenta davanti a Cragno calciando sul palo. Sul capovolgimento di fronte, Simeone scatta in contropiede, sinistro dell’argentino e palla a fil di palo. Al 26’ calcio di rigore per l’Atalanta: Malinovskyi anticipa Carboni che lo mette a terra, giallo per il difensore rossoblù che viene espulso poiché già ammonito. Dal dischetto Muriel trasforma e l’Atalanta va in vantaggio.

Il Cagliari subisce tantissimo il colpo e non riesce a reagire, con l’Atalanta che si fa pericolosa, tuttavia senza impensierire più di tanto Cragno. E’ Muriel, molto ispirato a portare i maggiori pericoli. Attorno al 40’, punizione del colombiano, pala deviata dalla traversa che finisce alta. Atalanta che domina la partita. Al 42’ Palomino allunga sotto porta la traiettoria di un colpo di testa di Sutalo, palla fuori di poco. Il primo tempo si chiude con i neroazzurri in vantaggio.

La ripresa è ancora di marca atalantina: dopo 3 minuti cross di Castagne per l’altro esterno Hateboer che di testa prende il palo interno, con Pisacane che evita il gol rinviando sulla linea in corner; sul susseguente calcio d’angolo, colpo di testa di Caldara alto di poco. Al 60’ l’Atalanta opera un triplo cambio: dentro i titolarissimi Ilicic, Gomez e Zapata, fuori Malinovskyi, Muriel e Pasalic. Anche il Cagliari effettua un triplo cambio con Mattiello, Faragò e Birsa in campo al posto di Lykogiannis, Ionita e Nainggolan.

L’Atalanta, però, ha sempre in mano il pallino del gioco. Al 31’ grande sgroppata di Rog che serve in profondità Joao Pedro, ma il brasiliano, stanco, spara alto. I tre cambi sembrano aver dato nuova linfa al Cagliari che soffre meno e prova ad affacciarsi in area avversaria. All’85’ in contropiede Ilicic a colpo sicuro davanti a Cragno calcia forte e centrale, ma il portiere rossoblù c’è e respinge.

Un minuto dopo è ancora sfida Ilicic-Cragno, ma ha la meglio ancora il portiere del Cagliari. Al 90’ Tameze fa un retropassaggio suicida per Sportiello, ma Joao Pedro non ci arriva per un soffio. Al 91’ discesa di Nandez sulla destra, tiro-cross e palla deviata in angolo: Cagliari pericolosissimo! I rossoblù non si arrendono mai, ma devono farlo al fischio finale dell’arbitro che decreta una dignitosissima sconfitta.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop