Sassari

La Dinamo e il Dipartimento di Architettura di Firenze insieme per la Clinica Pediatrica di Sassari

Da oggi una mostra di disegni e una raccolta fondi per rendere il reparto dell’Aou più children-friendly

La Dinamo e il Dipartimento di Architettura di Firenze insieme per la Clinica Pediatrica di Sassari

Di: Antonio Caria


Quando lo sport incontra la solidarietà. Una collaborazione, quella tra la Dinamo Banco di Sardegna e il Dipartimento di Architettura di Firenze, per dare ai bambini ricoverati nella Clinica Pediatrica dell'Aou di Sassari, diretta dal Prof. Roberto Antonucci, un ambiente più rassicurante e a "misura di bambino”.

L’iniziativa, presentata oggi nella Club House della società del presidente Stefano Sardara, è un altro tassello che si aggiunge al progetto "#beforchildren", avviato nel novembre 2018 dall'Aou di Sassari e dal Dida con l'obiettivo di rendere l’ambiente ospedaliero più children-friendly per i piccoli pazienti della Clinica.

E sarà proprio la Dinamo  a mettere a disposizione del laboratorio Design for kids del Dipartimento DIDA gli spazi per la realizzazione della mostra e farsi promotrice della raccolta fondi a beneficio della Clinica Pediatrica di Sassari.

Alla presentazione hanno preso parte l’amministratore delegato biancoblu Renato Nicolai, il responsabile della Clinica Pediatrica AOU di Sassari Roberto Antonucci, e la responsabile del progetto dottoressa Marta Maini.

 “Porto i saluti del nostro presidente a questa iniziativa alla quale abbiamo preso parte con grande entusiasmo e con la volontà, come sempre, di dedicare la nostra attenzione non solo alla pallacanestro ma anche ai progetti sociali del territorio – queste le parole di Nicolai -. Questa collaborazione nasce dell’ iniziativa dell’Università di Firenze e coinvolge la Clinica Pediatrica di Sassari e oggi siamo qui per presentarvela con l’auspicio di coinvolgere tutti, cercando tutti insieme di dare una mano a questo progetto. Insieme con la nostra Fondazione Dinamo e con lo Store abbiamo deciso di ospitare all’interno del palazzetto una mostra di disegni e di sostenere una raccolta fondi a beneficio dell’attivià di progetto, nel solco di una sinergia con la Clinica Pediatrica di Sassari che ci ha già visti attivi su diversi fronti".

“Porto i saluti della direzione strategica dell’Azienda sanitaria Ospedaliera e in particolare del direttore, dottor Bruno Contu, che non ha potuto prendere parte a questo incontro – così Antonucci- . Per noi è una grande soddisfazione essere beneficiari di questo progetto che - nato dalla tesi di laurea della dottoressa Maini in collaborazione con il dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze - oggi giunge a un traguardo fondamentale. L’obiettivo è quello di migliorare, nell’ambito del design e dell’arredamento, l’esperienza dei piccolo pazienti della clinica pediatrica e siamo felici della grande sensibilità mostrata dalla Dinamo Sassari, che sostiene tutte le iniziative per la realizzazione".

 “Ringrazio la Dinamo, la Clinica Pediatrica e l’AOU di Sassari per aver accolto questo mio progetto di tesi con entusiasmo e sostegno concreto –ha sottolineato Maini -. Nel momento in cui abbiamo pensato di coinvolgetre un soggetto importante del territorio come non pensare alla Dinamo? Abbiamo iniziato una serie di iniziative strategiche utili a rendere meno traumatica possibile l’esperienza del bambino in clinica. In quest’ ottica, fra le altre cose, abbiamo pensato di creare una mascotte che potesse aiutare i piccoli pazienti a esorcizzare le paure che possono avere in un ambiente estraneo come quello di reparto sanitario. E per sceglierla abbiamo coinvolto tanti bambini delle scuole della città, che hanno fatto dei disegni da oggi (e fino a domenica mattina) esposti al PalaSerradimigni.  Grazie alla collaborazione con la Dinamo abbiamo allestito questa mostra e organizzato una raccolta fondi, necessaria per riuscire a portare Avanti le attività di progetto”.

La mostra, inaugurata questa mattina al PalaSerradimigni e potrà essere visitatanelle giornate di venerdì e sabato e nella mattina di domenica, propone una selezione di disegni (260) elaborati  durante i laboratori realizzati con gli alunni delle scuole elementari e medie dell'Istituto comprensivo Monte Rosello Alto, dell'Istituto comprensivo Brigata Sassari e dell'Istituto comprensivo San Giuseppe. La realizzazione grafica dell'allestimento è stata offerta da Character srl.

I designer sono stati guidati, oltre alle loro insegnanti che hanno mostrato grande sensibilità per l'iniziativa, dalla dirigente medico della Pediatria Donatella Meloni e dalla dottoressa Marta Maini.

Lo studio sugli elaborati ha portato alla progettazione della mascotte Bè, una pecorella bianca contornata di nero con un ciuffo azzurro. Il personaggio vuole essere un compagno d'avventura per tutti i bambini che dovranno affrontare una qualsiasi esperienza ospedaliera nella Clinica Pediatrica di Sassari.

L’obiettivo finale sarà la realizzazione di un nuovo ambiente ospedaliero per i piccoli pazienti all'interno della Clinica Pediatrica, caratterizzato da un sistema di segnaletica e wayfinding in cui la mascotte farà da guida rassicurandolo e intrattenendo i piccoli pazienti.

La mascotte sarà presentata domenica 12 maggio in occasione della partita tra la Dinamo e Cantù, La dirigenza biancoblu illustrerà l'iniziativa di raccolta fondi alla quale è già possibile contribuire.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardiniaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop