Salute

Suicidio medicalmente assistito? Liberi di scegliere

Il primo sì anche in Italia

Suicidio medicalmente assistito? Liberi di scegliere

Di: Sabrina Cau


Mario è un nome di fantasia per il 43enne marchigiano tetraplegico immobilizzato da 10 anni dopo un incidente stradale.  Il primo malato in Italia ad avere il via libera alla dolce morte in base alla sentenza della Corte costituzionale sul caso Dj Fabo.

Dopo una lunga battaglia, nella quale ha sempre avuto  il supporto dell’Associazione Luca Coscioni, Mario può decidere di morire. Il Comitato Etico dell’Asl Marche ha dichiarato che l'uomo rientra nelle condizioni stabilite dalla Consulta per l'accesso al suicidio assistito.  Irreversibilità della malattia, insostenibilità del dolore e la volontà del paziente, sono condizioni indispensabili  ed evidenti che concedono a Mario la possibilità di disporre della sua “morte” : "Sono stanco e voglio essere libero di scegliere il mio fine di vita”"Nessuno può condannarmi a una vita di torture"

Una patologia incontrastabile è fonte di malessere fisico e psicologico intollerabili e al di là di ideologie varie e moralismi scontati,  Mario chiede solo di porre fine alle sue sofferenze. Adesso manca solo la definizione della somministrazione del farmaco eutanasico.

Nessun giudizio, solo capacità di immedesimazione.

Correlati

Il nuovo shop di Sardegna Live

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop