Politica

Italia suddivisa in tre aree. Ecco quali sono stati i criteri seguiti per la divisione delle Regioni

Informativa urgente alla Camera dei Deputati del Ministro della Salute

Italia suddivisa in tre aree. Ecco quali sono stati i criteri seguiti per la divisione delle Regioni

Di: Redazione Sardegna Live


“I numeri continuano drammaticamente a crescere, nel mondo siamo arrivati a un contagiato ogni 164 persone, oltre 1 milione di morti nel mondo: sono cifre che parlano da sole e danno il senso della gravità della situazione. Questo Dpcm è in piena continuità con le misure che il governo ha tenuto finora. Difendere le persone e la loro vita è un principio di massima precauzione per difendere il servizio sanitario nazionale evitando che venga travolto lasciando i cittadini indifesi e dovendo nuovamente contare un numero di vittime inaccettabile tra le persone e tra i nostri medici”.

Lo ha detto il Ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso dell’informativa urgente sui dati e sui criteri seguiti per la collocazione delle Regioni italiane nelle aree rossa, arancione e gialla, previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 3 novembre 2020.

Sono 21 i paramenti di riferimento, “utilizzati da 24 settimane senza che una sola Regione abbia mai eccepito sul modello, e senza mai una voce di dissenso dal Parlamento”, ha precisato Speranza.

Ecco i parametri che hanno portato la scelta dell’ordinanza:

1) Numero di casi sintomatici notificati per mese in cui è indicata la data di inizio sintomi sul totale di casi sintomatici notificati al sistema di sorveglianza nello stesso periodo;

2) Numero di casi notificati per mese con storia di ricovero in ospedale (in reparti diversi dalle Terapie Intensive) in cui è indicata la data di ricovero sul totale di casi con storia di ricovero in ospedale notificati al sistema di sorveglianza nello stesso periodo;

3) Numero di casi notificati per mese con storia di trasferimento/ricovero in reparto di terapia intensiva (TI) in cui è indicata la data di trasferimento o ricovero in TI/totale di casi con storia di trasferimento/ricovero in terapia intensiva notificati al sistema di sorveglianza nello stesso periodo.

4) Numero di casi notificati per mese in cui è riportato il comune di domicilio o residenza/totale di casi notificati al sistema di sorveglianza nello stesso periodo;

5) Numero di checklist somministrate settimanalmente a strutture residenziali sociosanitarie;

6) Numero di strutture residenziali sociosanitarie rispondenti alla checklist settimanalmente con almeno una criticità riscontrata;

7) Percentuale di tamponi positivi escludendo le attività di screening e il “re-testing” degli stessi soggetti, complessivamente e per macro-setting (territoriale, PS/Ospedale, altro) per mese;

8) Tempo che trascorre tra data inizio sintomi e data di diagnosi;

9) Tempo che trascorre tra data inizio sintomi e data di isolamento;

10) Numero, tipologia di figure professionali e tempo/persona dedicate in ciascun servizio territoriale al contact-tracìng;

11) Numero, tipologia di figure professionali e tempo/persona dedicate in ciascun servizio territoriale alle attività di prelievo/invio ai laboratori di riferimento e monitoraggio dei contatti stretti e dei casi posti rispettivamente in quarantena e isolamento;

12) Numero di casi confermati di infezione nella regione in cui sia stata effettuata ima regolare indagine epidemiologica con ricerca dei contatti stretti/totale di nuovi casi di infezione confermati;

13) Numero di casi riportati negli ultimi 14 giorni;

14) Rt calcolato sulla base della sorveglianza integrata ISS;

15) Numero di casi riportati alla sorveglianza sentinella COVID-net per settimana;

16) Numero di casi per data diagnosi e per data inizio sintomi riportati alla sorveglianza integrata COVID-19 per giorno;

17) Numero di nuovi focolai di trasmissione (2 o più casi epidemiologicamente collegati tra loro o un aumento inatteso nel numero di casi in un tempo e luogo definito);

18) Numero di nuovi casi di infezione confermata da SARS-CoV-2 per Regione non associati a catene di trasmissione note;

19) Numero di accessi al Pronto soccorso con classificazione ICD-9 compatibile con quadri sindromici riconducibili a COVID-19;

20) Tasso di occupazione dei posti letto totali di Terapia Intensiva (codice 49) per pazienti COVID-19;

21) Tasso di occupazione dei posti letto totali di Area Medica per pazienti COVID-19.

“Risultata evidente - ha detto Speranza - che si tratta di un lavoro complesso e di dettaglio. La logica che guida le decisioni è semplice: ciascuna Regione viene classificata sulla base dell’incrocio di due parametri: l’indice di rischio che viene prodotto attraverso i 21 indicatori e gli scenari definiti attraverso l’Rt. Scenario 1: Nel caso in cui l’Rt sia inferiore a 1; Scenario 2: Nel caso in cui l’Rt sia compreso tra 1 e 1,5; Scenario 3: Nel caso in cui l’Rt sia compreso tra 1,25 e 1,50; Scenario 4: Nel caso in cui l’Rt supoera il dato di 1,50.  

“Non esistono zone verdi perché il virus circola in tutto il Paese”, ha sottolineato il Ministro.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop