Cagliari

Elezioni comunali a Sassari e Cagliari. ProgRes: “Nessun sostegno a liste o candidati”

“Il popolo sardo merita una classe dirigente di qualità che sappia difendere gli interessi della nazione”

Elezioni comunali a Sassari e Cagliari. ProgRes: “Nessun sostegno a liste o candidati”

Di: Antonio Caria


Progetu Repùblica ha annunciato che non prenderà parte alle prossime amministrative di Cagliari e Sassari e “E non sosterrà in alcun modo liste o candidati che afferiscono alle coalizioni unioniste di centrodestra e di centrosinistra”.

“Nei nostri precedenti documenti politici – si legge in una nota – abbiamo puntualmente rimarcato la necessità di mettere in atto strategie che ci permettano di compiere un percorso politicamente coerente con consapevolezza, determinazione e visione a medio-lungo periodo, oltre le contingenze e le convenienze elettorali”.

“Nel corso degli anni e degli ultimi mesi – ribadiscono da ProgRes – abbiamo responsabilmente lavorato alla costruzione di progetti indipendentisti credibili nella proposta politica e di forte impatto simbolico. Consci del generale stato di debolezza dei partiti sardi, abbiamo più volte rilanciato la necessità di una convergenza nazionale che sopperisca ai nostri limiti strutturali per elaborare programmi di governo a guida e motrice indipendentista”.

“Un agire politico che – aggiungono – abbiamo sostenuto anche nel tentativo di mettere in campo una valida alternativa per l’amministrazione delle due principali città della nostra nazione. Il dialogo e le interlocuzioni con le forze dell’area che abbiamo portato avanti avevano come obiettivo quello di realizzare una piattaforma con tre punti non rinunciabili a delimitare il perimetro politico di convergenza: Nessuna alleanza con partiti italiani. Un candidato sindaco indipendentista condiviso che potesse dare continuità a un percorso di unità nazionale; Trasversalità per allargare la base di riferimento a settori della società sempre più ampi”.

“Appurato che – a loro modo di vedere – la nostra proposta unitaria non ha portato ad accordi di programma, prendiamo atto che a Cagliari come a Sassari non si sono realizzate le condizioni politiche per una proposta di governo elettoralmente competitiva, coerente e capace di offrire ai cittadini sardi un movimento di liberazione nazionale ampio e plurale che non dissimuli se stesso o venga risucchiato nel cono d’ombra autonomista”.

“Come repubblicani sardi – proseguono – continueremo con la serietà e l'impegno di sempre a costruire un partito indipendentista forte e autorevole e, collateralmente, a promuovere la convergenza e il dialogo con tutte le forze dell’arco nazionale sardo, cercando e valorizzando i punti in comune”. 

“Il popolo sardo – secondo il loro punto di vista –  merita una classe dirigente di qualità che sappia difendere gli interessi della nazione. Abbiamo bisogno di amministratori pronti a “sporcarsi le mani” nel gravoso impegno del governo per un reale cambiamento della società e del quadro istituzionale, non di certo per il mantenimento dello status quo”.

“Il nostro partito ha già pagato a caro prezzo la propria disponibilità al dialogo e alla cooperazione con i non meglio identificati settori civici. Progetu Repùblica non ha alcun tipo di fretta. Piuttosto che farci coinvolgere in un improbabile esperienza elettorale, inadeguata e frettolosa, preferiamo – concludono – continuare la nostra opera di elaborazione e proposta politica. Semplicemente indipendentisti”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop