Bortigiadas

Vertenza prezzo del latte. Emiliano Deiana: «Questione decisiva per il futuro della nostra terra»

Il presidente di Anci Sardegna: «Le istituzioni e le comunità locali non possono che schierarsi al fianco dei pastori e delle forme pacifiche e non violente di lotta»

Vertenza prezzo del latte. Emiliano Deiana: «Questione decisiva per il futuro della nostra terra»

Di: Antonio Caria


 

«La questione del prezzo del latte in Sardegna è una questione decisiva per il futuro della nostra terra. Il pastore, la figura del pastore è una figura insostituibile dal punto di vista economico, storico, culturale, insediativo per tutta la Sardegna». 

A dirlo è il presidente di Anci Sardegna che ha rimarcato come «Il pastore ha una funzione “pubblica” - benché faccia un’attività privata - a favore di tutta la comunità nel presidio del territorio, nella sua fruizione, nella sua tutela (basti pensare al loro ruolo di presidio in caso di incendi e/o alluvioni)».

«Questa funzione “pubblica” – ha aggiunto Deiana – va riconosciuta e non basta la sola indennità compensativa; va riconosciuta dalla politica, dalle istituzioni regionali, nazionali ed europee, va sostenuta dalle istituzioni locali».

«Nella protesta, purtroppo, si innestano elementi che nulla hanno a che fare con la questione del prezzo del latte nè con la difficoltà di vivere dal proprio lavoro. Ma c’era da aspettarselo. I pastori che pensano solo al loro lavoro sanno distinguere benissimo gli “speculatori” politici».

«Nessuno in Sardegna – ha proseguito – ha può o deve pensare che la “questione dei pastori” non lo riguardi: è questione centrale per tutti. Restando solo al prezzo del latte, con la diminuzione in tre stagioni del 50% escono dal “circuito economico sardo” circa 280 milioni di euro. La questione dei pastori è prima di tutto una questione di dignità e di dignità del lavoro: il latte pagato a 0,60 euro è un prezzo che va contro la dignità del lavoro».

«Un altro aspetto – ha sottolineato il numero uno di Anci Sardegna – che mi preme sottolineare è che la protesta può anche creare dei disagi, ma non può nè deve sfociare mai nella violenza, nel saccheggio, nel vandalismo: i pastori perderebbero in un secondo il consenso sociale che hanno conquistato con la loro lotta».

«Inoltre – ha rimarcato – c’è un fatto che i pastori in lotta devono evitare: mettersi contro altri lavoratori. Un autista di un’autobotte di proprietà di un industriale e/o di una cooperativa è un lavoratore come loro; con le stesse difficoltà di vita, di prospettiva. Le azioni che pongono a rischio l’incolumità di chi lavora, dei luoghi di produzione sono sbagliate nella forma e rischiano di alienare ai pastori il consenso che la loro lotta ispira».

«Infine – ha ribadito lo stesso Deiana – nuclei di protesta disorganizzati, nuclei che non producono “rappresentanza” possono anche produrre qualche risultato mediatico, marischiano di non contare quando ci sarà da sedersi intorno a un tavolo per trattare. Perché la questione è trattare su tutto il comparto: per l’oggi (perché oggi si deve mangiare) e per il futuro (perché se non si devia da ciò che è stato fin’ora si ritornerà ciclicamente al punto di oggi)».

«Concludo: le istituzioni locali, le comunità locali non possono che schierarsi al fianco dei pastori e delle forme pacifiche e non violente di lotta. Lo devono fare per le ragioni dette all’inizio e perché se le comunità hanno una possibilità di salvarsi essa passa dalla capacità di ridare dignità al lavoro legato alla terra, all’ambiente, alla libertà. Qualcuno, dalla Regione, – ha dichiarato in conclusione Deiana – anche in questo scampolo di legislatura dovrebbe dire qualcosa di chiaro e netto; attivare strumenti che consentano a pastori, industriali, cooperative di trovare una soluzione sul prezzo. Anche a costo di riconvocare il Consiglio Regionale per assumere iniziative straordinarie. Ma chiare». 

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop