Novas

Santu Martinu. La traduzione in sardo della poesia di Giosuè Carducci

L'omaggio di Carlo Crisponi al celebre poeta e letterato

Santu Martinu. La traduzione in sardo della poesia di Giosuè Carducci

Di: Carlo Crisponi


San Martino è una poesia di Giosuè Carducci.

Fa parte della raccolta “Rime Nuove” del 1887, che raccoglie liriche scritte dal 1861 al 1887.

«L'autografo reca il titolo Autunno e in calce la data "8 dicembre 1883: finito ore 3 pomeridiane"».

La poesia, con il titolo San Martino (in maremma pisana), fu pubblicata per la prima volta nel supplemento Natale e capo d'anno dell'Illustrazione Italiana del dicembre 1883. È inserita nel volume III dell'edizione nazionale delle Opere.

Il titolo fa riferimento alla data dell'11 novembre (San Martino), giorno in cui, tradizionalmente, in Italia si «celebra la maturazione del vino nuovo» (donde la locuzione proverbiale: "San Martino, ogni mosto diventa vino").

Santu Martinu

Sa neula in sas piantas
Arziada cando proede
Su entu in mare moede
Sas abbas tottu cantas

Ma in sos’istradones
Buddinde est sa cuppa
Binos fortes in bucca
Alligran sas pessones

In d’una vracca manna
S’ispidu est girende
catzadore surbiende
Mira dae sa janna

Rujas nues diventende
Puzzones nieddos olana
Pentzamentos chi colana
A sero sun emigrende

Carlo Crisponi


Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardiniaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop