Mosca

Vaccino Coronavirus, la Russia annuncia: “Vaccinazione di massa per ottobre”. Ma è davvero possibile?

Il parere dell’esperto: “Improbabile che abbiano già testato sicurezza ed efficacia del vaccino”

Vaccino Coronavirus, la Russia annuncia: “Vaccinazione di massa per ottobre”. Ma è davvero possibile?

Di: Redazione Sardegna Live


La Russia starebbe preparando una “vaccinazione di massa contro il Coronavirus per ottobre”, dichiara il ministro della Salute del Paese, Mikhail Murashko, all’agenzia di stampa Interfax e specifica che il farmaco, prodotto dall’Istituto Gamaleya di Mosca (una struttura di ricerca statale), ha quasi completato la Fase 2 e sono in preparazione studi clinici sul vaccino e sui documenti che servono per registrarlo. Lo scrive oggi il quotidiano on line corrieredellasera.it

La corsa al vaccino
Murashko specifica che l’intenzione è quella di vaccinare per primi dottori e insegnanti in autunno in una campagna di immunizzazione definita “di massa”. Una fonte ha detto all’agenzia Reuters che la Russia sarebbe stato il primo Paese ad approvare il vaccino ad agosto. L’approvazione, però, significa poter somministrare il vaccino alla popolazione, cosa che si fa normalmente dopo aver concluso la Fase 3 di studio, cioè solo dopo aver testato l’efficacia del farmaco su migliaia di persone e la sua sicurezza tramite studi controllati e scientifici. Per questo le dichiarazioni in merito all’accelerazione russa hanno lasciato molti dubbi e perplessità. Solo quattro vaccini ufficialmente al mondo, su oltre 160, sono appena entrati o stanno entrando nella fase finale di sperimentazione umana, la Fase 3: AstraZeneca (azienda svedese a cui l’Italia ha prenotato 400 milioni di dosi di vaccino insieme ad altri Paesi europei), Moderna (che collabora con i National Institutes of Health Usa), BioNTech/Pfizer (accordo industriale Usa-Germania) e CanSino (società cinese).

Abbiamo chiesto a Sergio Abrignani, ordinario di Patologia generale all’Università Statale di Milano e direttore dell’Istituto nazionale di genetica molecolare «Romeo ed Enrica Invernizzi», la sua opinione sulle dichiarazioni russe: è possibile un’accelerazione del genere?
«Per ora sono solo dichiarazioni mentre, non c’è alcuna pubblicazione su questo vaccino che abbia ricevuto una revisione dalla comunità scientifica. L’approvazione richiede un parere di un’agenzia regolatoria che viene rilasciato dopo uno studio di efficacia (la Fase 3) che loro annunciano di dover ancora iniziare. Hanno dichiarato di completare la Fase 2 il 3 agosto e, per quanto possano accorciare i tempi, poi ci vorranno come minimo quattro o cinque mesi per uno studio clinico di Fase 3 su qualche decina di migliaia di persone e non è che a quel punto ci sarà subito il vaccino disponibile da dare a tutti. Quindi, quello che dichiarano mi sembra molto ottimistico e poco scientifico».

Non potrebbero saltare tutti i passaggi e vaccinare lo stesso la popolazione?
«Alcuni Paesi con un forte controllo politico sulle scelte di salute pubblica, potrebbero certamente decidere per volontà politica di vaccinare una parte della popolazione, nonostante il rischio di mancata efficacia o addirittura di danni che potrebbero derivarne. Se hanno deciso che questo è il loro vaccino e ne producono milioni di dosi da somministrare, lo possono fare: si chiama “sperimentazione umana”. Nel mondo occidentale con le nostre agenzie regolatorie non può succedere».

Quali sono i rischi che ne derivano?
«La Fase 3 è uno studio clinico controllato che deve dimostrare efficacia e sicurezza su volontari sani. Come in ogni sperimentazione clinica di un vaccino, ci sono due tipi di rischio: la possibilità di avere effetti collaterali al momento della vaccinazione o la possibilità che quando un vaccinato si infettasse, l’infezione possa avere un decorso più severo. Nel primo caso normalmente lo studio di efficacia si interrompe. Nel secondo caso, quel che può accadere (raramente) è che un vaccino generalmente efficace e senza effetti collaterali al momento della vaccinazione, in un piccolo numero di individui induca una risposta immunitaria che non solo non è protettiva, ma che possa far sviluppare una malattia più aggressiva in caso di infezione».

Queste notizie sui vaccini non rischiano di dare man forte ai no-vax?
«No se date nel giusto modo, ricordando che i vaccini sono tra i farmaci più sicuri al mondo. Come dicevo, il compito delle agenzie regolatorie è di autorizzare l’uso di un vaccino solo quando è sicuro ed efficace».

In merito al “vaccino Usa” di Moderna (che ha iniziato la Fase 3 su circa 30.000 volontari sani), Anthony Fauci ha da poco dichiarato che sarebbe possibile una «sorpresa di ottobre». Cosa vuol dire?
«Fauci è uno dei più grandi ricercatori al mondo e quindi se parla bisogna sempre pensare che lo faccia a ragion veduta. La sorpresa di ottobre potrebbe essere che Moderna potrebbe avere allora dati che indichino che il loro vaccino è sicuro ed efficace sulla base dei risultati della Fase 3 iniziata in luglio, a quel punto ci potrebbe essere una sorta di pre-approvazione che autorizzi la produzione su larga scala. Già essere arrivati a iniziare una Fase 3 dopo meno di 7 mesi dalla pubblicazione della sequenza virale è un risultato che non ci saremmo mai aspettati. La pandemia ha cambiato tutte le regole, in questo caso in meglio». (Fonte corrieredellasera.it)

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop