Città del Vaticano

Cento anni fa nasceva Karol Wojtyla, il papa santo amato e ricordato da tutti

San Giovanni Paolo II è stato il papa dei giovani e della famiglia

Cento anni fa nasceva Karol Wojtyla, il papa santo amato e ricordato da tutti

Di: Redazione Sardegna Live


Oggi avrebbe compiuto cento anni Karol Wojtyla, il papa santo che ancora oggi tutti ricordano con affetto. San Giovanni Paolo II è stato il primo pontefice straniero dopo 455 anni, il primo papa "globale" della storia. È stato il papa dei giovani e della famiglia, il primo a viaggiare in tutto il mondo, a lanciare un anatema contro la criminalità organizzata, a dire a tutti: "Non abbiate paura". La sua personalità ha segnato profondamente il Novecento e continua a incidere nel nuovo millennio.

Era nato il 18 maggio 2020 a Wadowice, in Polonia. Era stato ordinato sacerdote nel 1946

Il 18 maggio 1920 nasce in Polonia, Karol Wojtyla. Eletto il 16 ottobre 1978, Giovanni Paolo II è stato il primo pontefice straniero dopo 455 anni, il primo Papa "globale" della storia. La sua personalità ha segnato profondamente il Novecento e continua a incidere nel nuovo millennio.

Dopo la chiusura, a causa della Seconda guerra mondiale, dell’università in cui studiava, aveva iniziato a lavorare in una cava. Poi era entrato nel seminario di Cracovia. Era stato ordinato sacerdote nel 1946 e a Roma consegue un dottorato in teologia. Nel 1948 torna in Polonia e dieci anni dopo, Papa Pio XII lo nomina vescovo ausiliare di Cracovia. Nel ’64 viene nominato arcivescovo di Cracovia. Aveva partecipato al Concilio Vaticano II (1962-65), diventa Cardinale nel 1967 e papa il 22 aprile del 1978 quando inaugura il suo pontificato con queste parole: “Non abbiate paura. Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo. Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli stati, i sistemi economici come quelli politici, i vasti campi di cultura, di civiltà, di sviluppo. Non abbiate paura. Cristo sa cosa è dentro l’uomo. Solo lui lo sa.”. Indimenticabile anche la frasi “Se sbaglio mi ‘corrigerete’”, in un italiano quasi perfetto.


Wojtyla era il papa che amava la montagna e che urlò contro la mafia. Durante il suo pontificato si contano 146 visite pastorali in Italia e, come Vescovo di Roma, visita 317 delle attuali 332 parrocchie romane. I viaggi apostolici nel mondo sono stati 104. Amava sciare sui monti del Terminillo, della Marmolada e dell'Adamello. Nel 1981 era sopravvissuto a un attentato (13 maggio) in piazza San Pietro e poi perdonare Ali Agca. In milioni lo hanno ascoltato mentre parlava ai ragazzi-papaboys nelle Giornate Mondiali della Gioventù, da lui istituite, e mentre gridava il suo anatema contro la mafia: "Convertitevi. Un giorno verrà il giudizio di Dio". Era stato fondamentale il suo intervento per l’abbattimento del muro di Berlino. 

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop