Cagliari

Sant’Elia, spaccio di droga in piazza Lao Silesu: pusher e fornitore in manette

Operazione dei Baschi Verdi delle Fiamme Gialle: sequestrato stupefacente e denaro

Sant’Elia, spaccio di droga in piazza Lao Silesu: pusher e fornitore in manette

Di: Alessandro Congia


Proseguono senza sosta le attività di contrasto alla diffusione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti effettuate sul territorio di Cagliari da parte della Fiamme Gialle del Comando Provinciale. 

La quotidiana attività di controllo economico del territorio, viene indirizzata, da un lato al contrasto alla diffusione e al consumo di sostanze stupefacenti e dall’altro ad intercettare e stroncare le attività di spaccio, sia minute che organizzate. 

In tale ambito, durante un servizio di perlustrazione del territorio, una pattuglia di Baschi Verdi, nel quartiere di S. Elia, all’altezza di Piazza Lao Silesu, ha notato il classico movimento di persone legato ad un’attività di spaccio: atteggiamento circospetto e guardingo, rapido ingresso all’interno di un palazzo o di un’abitazione, allontanamento veloce cercando di non dare nell’occhio. 

Analizzata e tenuta sotto osservazione questa circostanza, i Finanzieri hanno rilevato che lo spacciatore si era recato poco prima da un suo fornitore, quest’ultimo risultato poi essere sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, ubicata anch’essa in uno stabile di Piazza Lao Silesu, proprio per spaccio di sostanze stupefacenti. 

Seguendone costantemente i successivi movimenti, i militari hanno appurato che lo spacciatore occultava la sostanza stupefacente all’interno di una piccola imbarcazione in vetroresina di sua proprietà riposta all’interno di un garage, presso il quale si recava per recuperare le dosi da rivendere ai vari avventori.    

A seguito della perquisizione locale presso l’abitazione dello spacciatore, un cagliaritano di 43 anni, venivano rinvenute 8 dosi di marijuana per un peso complessivo di 12 grammi e 30 euro quale provento dello spaccio. 

Analoga attività veniva intrapresa anche nei confronti del fornitore, un trentenne cagliaritano, trovato in possesso di materiali utili al confezionamento ed al “taglio” della sostanza stupefacente, oltre che a 670 euro. 

I responsabili, su disposizione del Magistrato di turno, sono stati tratti in arresto e sottoposti alla misura degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni in attesa del giudizio per direttissima svoltosi questa mattina: al suo esito è stata fissata l’udienza per il prossimo 28 gennaio, data fino alla quale, per entrambi, rimarranno validi gli arresti domiciliari. 

Questa l’ultima operazione, in ordine di tempo, da parte delle Fiamme Gialle cagliaritane: il consuntivo relativo all’anno appena trascorso - che ha visto le pattuglie del Corpo, da un lato, operare quotidianamente sul territorio e, dall’altro, effettuare complesse ed articolate indagini volte a individuare e reprimere i canali di alimentazione delle sostanze stupefacenti, ma anche prestare la propria collaborazione – in particolare quella delle unità cinofile – alle altre Forze di Polizia parimenti impegnate al contrasto del fenomeno, ha complessivamente portato alla segnalazione alla Prefettura di 224 soggetti (di cui 10 minori), denunciate alla Autorità Giudiziaria 38 persone, arrestati 32 spacciatori (di cui 1 minorenne) e sequestrati 25,5 kg di cocaina, 4,6 kg di marijuana, 11 kg di hashish, 2,1 chili di eroina e 18 spinelli.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop