In Sardegna

Confcommercio: "Lockdown in Sardegna rappresenterebbe aziendicidio"

Bortolotti (presidente Confcommercio Sud Sardegna): "Sardegna rischia di perdere 40% delle aziende nel 2021"

Confcommercio:

Di: Giammaria Lavena


"Dopo la chiusura di marzo e svariati proclami, il commercio, i pubblici esercizi, e tutte le attività produttive, sono già in un effettivo lockdown, in tutta l'Isola si rischia di perdere il 40% delle aziende nel 2021: ora il lockdown sarebbe un aziendicidio". Così il presidente di Confcommercio Sud Sardegna, Alberto Bertolotti, a proposito di un possibile stop ai negozi e ai pubblici esercizi sia a livello nazionale, che a livello regionale.

"L'aumento dei contagi non è attribuibile, come peraltro dimostrano i dati - prosegue -, alle attività commerciali e ai pubblici esercizi. Abbiamo investito in termini di protocolli e igienizzazione delle attività per garantire la massima sicurezza della frequentazione da parte della clientela, oggi le persone non escono più, quindi non fanno acquisti e non vanno in ristorante. C'è già un lockdown reale anche se non è dettato dalle normative. Sarebbe da verificare con attenzione il tema scuola e quindi trasporti scolastici". "

Sono mancati i controlli a causa della carenze di organico delle forze dell'ordine, ma con la chiusura dei locali a mezzanotte o addirittura alle 23 - conclude Bertolotti -, si sottraggono i flussi al controllo ed ai sicuri protocolli degli esercenti e si crea la cosiddetta 'mala movida' con maggiori occasioni di diffusione del contagio".

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop