In Sardegna

Mancano i servizi nel Mandrolisai: incontro tra Todde e amministratori

Sanità, istruzione, lavoro, trasporti, viabilità, ambiente e difesa del paesaggio sono i temi che saranno discussi

Mancano i servizi nel Mandrolisai: incontro tra Todde e amministratori

Di: Redazione Sardegna Live


Sanità, istruzione, lavoro, trasporti, viabilità, ambiente e difesa del paesaggio sono i temi che saranno discussi durante l'incontro, promosso dalle amministratrici e dagli amministratori dei Comuni della Comunità montana Gennargentu-Mandrolisai , che si terranno a Sorgono il 24 giugno , alle 10, al teatro Murgia, al fine di porre l'attenzione sulla " grave carenza di servizi che attanaglia il territorio e che con il passare del tempo paralizza lo sviluppo e nega ai cittadini i diritti essenziali ", si legge nel comunicato. Per l'occasione sono stati convocati 11 Consigli comunali: Aritzo, Atzara, Austis, Belvì, Desulo, Gadoni, Meana Sardo, Ortueri, Sorgono Teti e Tonara. Alla seduta congiunta degli organismi comunali è stata invitata la presidente della Regione, Alessandra Todde , che ha manifestato la volontà di partecipare .

" La situazione dei servizi pubblici nel territorio sta raggiungendo livelli disarmanti - è l'appello dei sindaci - e non si sono ancora viste reali e misure concrete che possono ridurre il divario tra il territorio e altre zone dell'Isola. Il nostro è un territorio penalizzato, in continuo affanno, che non può più aspettare politiche che stentano persino a essere pensate ". Gli amministratori lamentano " gravi carenze " nella sanità pubblica, nell'istruzione, nei trasporti e nelle politiche attive sul lavoro, dove " le aziende locali sono martoriate da una crisi che qui ha il sapore della beffa " .

"Abbiamo spesso cercato il dialogo con la Regione Sardegna - proseguono i primi cittadini - ma l’approccio politico non è servito a tanto, anche alla luce del fatto che la situazione non solo non migliora ma è in continuo peggioramento". Il presidente della Comunità montana, nonché sindaco di Atzara, Alessandro Corona, aggiunge: "La sinergia tra i nostri Comuni è totale e i sindaci intendono fare proposte concrete per poter avviare interventi efficaci nel territorio. Rappresentiamo una popolazione che con dignità e tenacia sta da anni manifestando civilmente contro un sistema sordo e cieco che non ha prodotto risultati positivi -. Per Corona - il malcontento generalizzato non è sufficiente a stimolare la politica per offrire soluzioni concrete. Dai bambini che non possono essere curati, passando per gli anziani che devono fare i salti mortali per una semplice visita dal medico di base che è praticamente scomparso dai nostri centri. Oppure, pensiamo alle imprese in sofferenza, al lavoro che non c’è. Per non parlare della viabilità disastrata e dei trasporti insufficienti. Non si può continuare a pensare che lo spopolamento si debba combattere a colpi di 'Bonus bebè': lo spopolamento si combatte facendo in modo che siano attivi tutti i servizi che garantiscono alle persone di vivere una vita degna di essere vissuta. Perché un cittadino che vive in un territorio rurale è una persona coraggiosa, che merita la stessa dignità di chi ha scelto di vivere in altre zone della Sardegna - e conclude - come sindaci ci rivolgiamo alle cittadine e ai cittadini, alle associazioni, alle imprese, alle forze sindacali e ai comitati, per fare in modo che il 24 giugno l’incontro sia quanto mai partecipato".

Correlati

Il nuovo shop di Sardegna Live

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop