In Sardegna

Nell'Isola obiettivo 40mila test anti Covid-19 entro l'autunno

Si partirà da Cagliari: test volontari e gratuiti all'ospedale militare, al Brotzu e al Policlinico

Nell'Isola obiettivo 40mila test anti Covid-19 entro l'autunno

Di: Giammaria Lavena


Un obiettivo preciso: test sierologici anti Covid-19 per il maggior numero possibile di persone, almeno 40mila entro l'autunno. Priorità a chi ha particolari patologie, ma anche ai lavoratori maggiormente esposti al contatto con le persone, come commessi, medici, e forze dell'ordine. L'area di partenza sarà quella di Cagliari: test volontari e gratuiti all'ospedale militare, al Brotzu e al Policlinico e team misti tra medici e infermieri della sanità militare e quelli del servizio pubblico. Per gli ospedali basterà la prescrizione medica.

Inoltre da settembre saranno interessate anche le strutture mobili dell'esercito. Il progetto è nato dalla collaborazione tra Regione Sardegna, ministero della Difesa, e la rete di solidarietà Ad Adiuvandum, ed è stato presentato a Cagliari, nella sede del comando militare Esercito "Sardegna", dove hanno presenziato l'assessore della Sanità, Mario Nieddu, e il sottosegretario alla Difesa, Giulio Calvisi.

"Abbiamo aderito al progetto, come già accaduto a Sassari nella Fase 1, mettendo a disposizione sia i medici e infermieri sia il supporto logistico - ha spiegato Calvisi -. Al di là dell'indagine epidemiologica sulla diffusione del contagio che, ahimè, è sempre attuale, c'è anche un aspetto sociale visto che questo progetto di rivolge ad alcune categorie in prima linea durante il lockdown come medici , forse dell'ordine, commesse, farmacisti e quanti hanno assicurato i servizi in quel periodo di chiusura". 

"Grazie a una raccolta fondi, con il coinvolgimento della società civile, puntiamo a realizzare uno screening di massa - dichiara l'assessore Nieddu - con decine di migliaia di test che ci consentiranno di tracciare in modo sempre più preciso la circolazione virale sul nostro territorio. Un'indagine fondamentale per capire come si è diffuso il Covid-19 in Sardegna, verificare in che modo e quali misure anti-contagio hanno funzionato meglio e prepararci a un'eventuale recrudescenza della pandemia con strumenti di contrasto sempre più efficaci". 

"Fare il test - sottolinea infine Maria Antonietta Mongiu, della rete Ad Adiuvandum - è un atto d'amore per sé, per la propria famiglia, per la Sardegna". 

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop