Cagliari

Coltivavano marijuana in casa: in manette due fratelli

La polizia ha notate le piante in piena infiorescenza nel giardino di casa

Coltivavano marijuana in casa: in manette due fratelli

Di: Redazione Sardegna Live


Ieri mattina, un equipaggio della Squadra Volante della polizia di Cagliari si trovava in via Premuda per effettuare un controllo ad alcuni cittadini agli arresti domiciliari, quando all’interno di un giardino adiacente ad un appartamento, ha notato la presenza di alcune piante di cannabis in piena infiorescenza alte circa un metro.

I poliziotti hanno così bussato alla porta dell’abitazione in questione, sentendo dall’altra parte del trambusto. Gli agenti avrebbero poi notato nel giardino un giovane che, con uno scatto fulmineo, lanciava oltre la recinzione di un edificio scolastico adiacente diversi oggetti. Una volta dentro l’appartamento, gli operatori hanno trovato due fratelli già noti alle alle forze dell'ordine per i loro numerosi precedenti. Si tratta di Mirko e Andrea Medda, di 20 e 26 anni, entrambi cagliaritani. Mirko Medda sarebbe apparso particolarmente affannato ed è stato riconosciuto per aver lanciato poco prima degli oggetti oltre la recinzione, che gli agenti hanno poi scoperto trattarsi di un bilancino di precisione e una busta di plastica contenente residui di sostanza stupefacente e diversi ritagli di piccole bustine di cellophane, materiale usato tradizionalmente per il confezionamento della sostanza.

Il giovane, in preda all’agitazione, sarebbe corso in giardino nel tentativo di distruggere le piante per non permettere di trovarle, ma è stato immediatamente bloccato dai poliziotti e riportato all’interno dell’appartamento.

Nel frattempo, nella camera da letto in uso ad entrambi i fratelli, gli agenti hanno trovato Andrea Medda, particolarmente nervoso al pensiero di un controllo. In camera infatti, sarebbe stato scoperto sopra una cassettiera il coperchio di un bilancino di precisione, perfettamente compatibile con quello rinvenuto poco prima nel cortile della scuola. Il giovane, messo alle strette, avrebbe consegnato ai poliziotti una bustina di semi di cannabis con all’interno ancora un seme e tre già utilizzati.

Proseguendo nel controllo, gli agenti avrebbero scoperto, nel retro di un cassetto posto all’interno dell’armadio, una busta di carta contenente circa 8 grammi di marjuana. All’interno dello stesso armadio è stata rinvenuta una busta di plastica contenente diverse bustine di cellophane, identiche anch’esse a quelle rinvenute poco prima. Inoltre, nel portafoglio del fratello maggiore, sarebbe stata ritrovata la somma di 107 euro circa, suddivisa in banconote di piccolo taglio, ritenuti provento di attività illecita.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop