Oristano

Oristano. Ubriaco entra in chiesa e disturba la messa: parroco chiama la Polizia

Portato in Questura, l'uomo ha poi inveito contro gli agenti con violenza e ha danneggiato gli arredi degli uffici di Polizia

Oristano. Ubriaco entra in chiesa e disturba la messa: parroco chiama la Polizia

Di: Redazione Sardegna Live


In evidente stato di alterazione alcolica, ha impedito lo svolgimento della messa domenicale nella Chiesa di Sant’Efisio a Oristano, costringendo il parroco a richiedere l’intervento della Polizia. Condotto in Questura dal personale delle Volanti intervenuto sul luogo, ha poi inveito contro gli agenti con violenza e danneggiato gli arredi degli uffici di Polizia.

È quanto accaduto a Oristano lo scorso 7 giugno, quando un cittadino extracomunitario di nazionalità senegalese, residente ad Iglesias, ma trasferitosi nel capoluogo per ragioni di lavoro, è stato arrestato dagli uomini dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, coordinati nell’occasione dal Commissario Matteo Porceddu, di recente assegnazione.

Le accuse sono quelle di resistenza, lesione e oltraggio a pubblico ufficiale, danneggiamento, turbamento di funzioni religiose nonché mancata esibizione del permesso di soggiorno e manifesta ubriachezza.

Come spiega la Polizia, l’intervento degli uomini del 113 è stato richiesto domenica mattina direttamente dal Parroco, Don Gianfranco Murru, ex Cappellano provinciale della Polizia di Stato, che in un primo momento aveva provato a calmare l’uomo esagitato il quale, nel corso della funzione, si dimenava tra i banchi, urlava frasi sconnesse contro la Chiesa cattolica e altre religioni e saliva sul presbiterio impedendo la celebrazione dell’Eucarestia.

Da subito i poliziotti intervenuti in Piazza Sant’Efisio hanno notato che lo straniero si trovava in un evidente stato di alterazione, presumibilmente dovuta all’assunzione smodata di bevande alcoliche, e hanno deciso di accompagnarlo in Questura per gli accertamenti sulla sua identità e per la notifica di altri atti a suo carico.

All’interno degli Uffici della Questura, l’extracomunitario, che non si sarebbe reso collaborativo alle formali richieste degli operatori, ha dapprima cominciato a ingiuriarli e minacciarli di morte. Quindi, senza preavviso, fa sapere sempre la Polizia, si è scagliato contro di essi colpendoli con calci e pugni e cagionando loro lesioni, e subito dopo ha urtato con violenza il pannello di plexiglass anti-contagio posto su una scrivania, frantumandone i supporti e così proiettandolo addosso a uno degli agenti.

Subito immobilizzato, l’individuo, su disposizione del P.M. di turno, in ragione della gravità dei fatti posti in essere e della sua pericolosità, è stato quindi trattenuto presso le camere di sicurezza sino all’udienza del processo per direttissima, fissata per il giorno 08.06.2020, con rinvio al giorno 15.06.2020 per concessione dei termini a difesa richiesti dal legale.

Convalidato l’arresto, il Giudice del Tribunale di Oristano ha ritenuto opportuno disporre nei confronti dello straniero la misura cautelare dell’obbligo di firma per due volte al giorno, fino alle decisioni che saranno assunte in sede di definizione del processo di merito.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop