Cagliari

Covid-19, l’appello delle Istituzioni Scientifiche contro la crisi: “Teniamo il cavallo di Troia fuori dai sistemi sanitari”

Gli esperti indicano 5 strategie di promozione della salute per affrontare le crisi generata dall’epidemia

Covid-19, l’appello delle Istituzioni Scientifiche contro la crisi: “Teniamo il cavallo di Troia fuori dai sistemi sanitari”

Di: Alessandro Congia


E’ stato pubblicato nei giorni scorsi il documento congiunto di Iuhpe (Unione Internazionale per la Promozione della Salute e l'Educazione Sanitaria), EUHPA-HP (Sezione di Promozione della Salute dell'Unione Europea di Sanità Pubblica) e Cattedra Unesco Global Health and Education, dal significativo titolo “Una prospettiva dI promozione della salute sul Covid-19: Teniamo il cavallo di Troia fuori dai nostri sistemi sanitari, promuoviamo la salute per tutti nei tempi di crisi e oltre”. Si tratta di un appello stilato dalle istituzioni e organizzazioni scientifiche che si occupano di promozione della salute a livello internazionale, e che propone alcune preziose linee guida per uscire dalla crisi. Alla stesura ha partecipato attivamente Paolo Contu, (nella foto in alto), docente dell’Università di Cagliari e vicepresidente IUhpe per l'Europa.

Cinque le strategie di promozione della salute proposte per affrontare la crisi generata dall'epidemia:  intersettorialità, sostenibilità, empowerment e partecipazione dei cittadini, equità e prospettiva life course. L'approccio di promozione della salute indicato dagli esperti mira a consentire a persone e comunità di acquisire, comprendere e valutare le migliori evidenze e competenze disponibili e applicarle nel contesto della loro vita quotidiana, dei loro valori e delle loro ambizioni di vita.

“Quanto più le persone acquisiscono una comprensione delle dinamiche del contagio e dei modi per proteggere se stesse e gli altri – spiega il professor Contu - tanto più possono gestire al meglio le diverse situazioni della propria vita”.

Il documento sottolinea in particolare l'obbligo di politiche di equità che privilegino le persone  più vulnerabili e più predisposte a subire le conseguenze delle misure introdotte per frenare la pandemia (residenti in quartieri degradati o in insediamenti informali, esclusi dell'economia regolare, senza fissa dimora). Per l’individuazione delle soluzioni più idonee è accomandata anche la partecipazione dei cittadini, “perchè possano acquisire il controllo sulla situazione, e il rafforzamento di coesione sociale, solidarietà, fiducia e responsabilità collettiva per la salute e il benessere della popolazione”.

I ricercatori non dimenticano i più piccoli: “L'attenzione per i bambini è rivolta a garantire la continuazione dell'istruzione – scrivono nel documento - con le scuole che utilizzano piattaforme di insegnamento online. Altri problemi riguardano la gestione della cura dei bambini con genitori che lavorano fuori casa, la difficoltà di stare a casa con genitori che lavorano da casa, la sensazione di essere rinchiusi e privati dei contatti con amici, nonni e altri. Un'attenzione particolare dovrebbe essere data ai bambini a rischio, come quelli che si trovano ad affrontare le avversità e quelli esposti alla violenza e agli abusi domestici, poiché questo periodo di crisi combinato con il confinamento familiare aumenta il rischio di violenza e riduce le possibilità di intervento esterno”.

“La crisi evidenzia la necessità di un approccio integrato che comprenda gli aspetti sanitari, organizzativi, sociali, politici, finanziari ed etici – conclude il professor Contu - basando le azioni su una comprensione globale ed ecosistemica delle questioni in gioco, sull'azione comunitaria, sulla solidarietà e sulla fiducia”. Sul sito IUHPE è anche riportato anche un intervento del professor Contu sull'epidemia, nella sua qualità di vicepresidente per l'Europa.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop