Serramanna

La lettera straziante di Antonio: il figlio di Marisa, uccisa dal marito

“Mammina Bella, un destino così crudele mamma che non ti meritavi”

La lettera straziante di Antonio: il figlio di Marisa, uccisa dal marito

Di: Redazione Sardegna Live


Una foto piena d’amore e di calore, così come lo sono le parole che Antonio Murtas ha voluto dedicare alla mamma, Marisa Pireddu, la 51enne uccisa con quaranta coltellate dal marito nella loro casa a Serramanna.

“Mammina Bella” è così che ti ho sempre chiamato. Tutte le mamme sono belle... ma per noi figli la nostra mamma è unica... Tu mamma eri unica nella tua semplicità, nella tua riservatezza e nella tua grande voglia di lavorare e trasmettere il tuo amore a persone che avevano una vita dietro molto più lunga della tua...bastava guardati per leggerti sul viso quanto eri buona”.

Nel giorno della Festa della mamma (ieri, 10 maggio), cinque giorno dopo l’omicidio (avvenuto nel pomeriggio del 5 maggio), il figlio si lascia andare in una lunga e commuovente lettera.

“Io e te sappiamo quanto sentimento c’era tra di noi... non serviva dirci apertamente ti voglio bene, non serviva abbracciarci e baciarci... ma mamma a me non è mancato mai nulla da parte tua... se io sono diventato la persona che sono, circondato da tante persone che mi vogliono bene è perché tu mi hai insegnato ad amare...  è così dura la vita.... quando sembra di aver raggiunto la serenità tutto viene distrutto. Un destino così crudele mamma che non ti meritavi. Ho il cuore lacerato e nessuna parola può descrivere il vuoto che viene lasciato quando succedono e si fanno gesti come questi soprattutto quando viene fatto alla persona che ti ha dato la vita. Mamma oggi ti ho fatto volare in cielo come un angelo... oggi la festa della mamma... dove tutte le mamme si sentono ancora più importanti... tutti gli anni ti ho fatto sentire con i miei piccoli gesti il mio amore, con un fiore, con un dolce fatto con le mie mani, una carezza... mamma sta per arrivare il giorno 11 maggio che ricorda la felicità dei tuoi occhi appena mi hai visto nascere e mi hai preso tra le tue braccia...

Solo io e te sappiamo che non è un addio...”.

Infine, un ringraziamento: “Voglio ringraziare tutte le persone che mi stanno vicine, che ci sono e che hanno espresso anche un minimo gesto per me in questo momento così straziante”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop