Paulilatino

Sanità nell’oristanese. Gallus: “Serve un’unità di crisi permanente”

Il presidente della Commissione Sanità: “Non è assolutamente in grado di reggere una situazione emergenziale quale la pandemia in corso”

Sanità nell’oristanese. Gallus: “Serve un’unità di crisi permanente”

Di: Antonio Caria


“I fatti accaduti la notte scorsa presso il presidio ospedaliero San Martino di Oristano, dove il pronto soccorso è letteralmente imploso per la presenza di alcuni casi sospetti di Coronavirus, con la conseguente chiusura dello stesso e pazienti dirottati presso altri presidi fuori provincia, visto anche il contemporaneo declassamento del pronto soccorso di Bosa e la mancata riattivazione del punto di primo intervento di Ghilarza, fanno emergere una realtà inconfutabile”.

A dichiararlo, in una nota, è stato il Sindaco di Paulilatino e il Presidente della Commissione Sanità del Consiglio regionale, Domenico Gallus, che denuncia: La sanità oristanese, pur riconoscendo l'eccezionalità dei fatti di ieri, ossia la contemporanea presenza di più pazienti urgenti, cosi come strutturata ora, non è assolutamente in grado di reggere una situazione emergenziale quale la pandemia in corso”.

La soluzione, a suo modo di vedere, per risolvere la situazione è quella della costituzione di un’unità di crisi permanente. Da qui la richiesta di intervento al Governatore Solinas e all’Assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu: “"Ormai non si può più attendere ne tergiversare. C'è bisogno dell'istituzione immediata di un direttorio che prenda in mano la situazione, in previsione anche di una quasi inevitabile escalation”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop