Cagliari

Arst: «Sullo sciopero regionale indetto da Fit-Cisl solo tante inesattezze»

La Cisl aveva sostenuto che gli scioperanti erano stati circa il 70%

Arst: «Sullo sciopero regionale indetto da Fit-Cisl solo tante inesattezze»

Di: Redazione Sardegna Live


L’Azienda regionale sarda dei trasporti replica alle dichiarazioni rilasciate dalla Fit-Cisl sui dati dei partecipanti allo sciopero regionale, indetto sabato 8 febbraio dal sindacato Fit-Cisl. Secondo L’arst i dati sono «inesatti». 

L’Arst afferma di come la percentuale dei dipendenti scioperanti sia stata circa il 20 % del totale del personale di turno nella fascia oraria di sciopero, rispetto alla forza effettiva. E non il 70% come aveva invece sostenuto la Cisl. 

«Infatti – precisa l’azienda regionale - su 2057 dipendenti, il personale di turno nella fascia in sciopero era composto da 641 unità, mentre ammonta a 129 il numero certificato del personale scioperante. Dunque, in definitiva, la percentuale degli scioperanti rispetto al personale in turno è stata del 20,12%». 

 

«È del tutto – si legge nella nota - evidente di come questi dati siano diversi da quelli affermati dalla Cisl. Peraltro, l’Azienda, respinge ogni accusa in ordine di supposte azioni poste in essere da Arst per censurare ogni azione di sciopero. Si ribadisce il massimo rispetto dei diritti dei lavoratori e delle norme che regolano il diritto allo sciopero». 

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop