Cagliari

Vertenza latte: pastori divisi

L'associazione "Più Sardegna" precisa: "Ci dissociamo, non condividendole, dalle iniziative personali, dai proclami e dai comportamenti di Nenneddu Sanna e Gianuario Falchi"

Vertenza latte: pastori divisi

Di: Redazione Sardegna Live - Foto d'archivio


Pubblichiamo di seguito la lettera giunta alla nostra redazione da parte dell’Associazione “Più Sardegna”.

“Gli allevatori dell’Associazione “Più Sardegna” si dissociano, non condividendole, dalle iniziative personali, dai proclami e dai comportamenti di Nenneddu Sanna e Gianuario Falchi.

Conseguentemente, ritengono di non doverli riconoscere come “Leader né Portavoce" dei pastori sardi, preferendo farsi rappresentare, esclusivamente da propri delegati e coordinatori.

Invitano, pertanto, le testate giornalistiche regionali e l'organo politico a volerne prenderne atto anche in fase di convocazione dei tavoli tecnici.

“Più Sardegna”, difendendone l’operato, ribadisce, invece, piena fiducia nell’Assessora dell’agricoltura, non condividendo la richiesta di  dimissioni, avanzata, a titolo personale e con modalità inammissibili e non condivise, dai due  portavoce senza seguito e senza bandiere, i quali pur rappresentando “una minoranza” hanno sottoscritto, per tutti, la famosa e penalizzante “griglia con accordo sul prezzo del latte fissato in 74 centesimi” che ha vanificato le azioni di protesta ed impedito l’adozione di misure diverse e soluzioni più appropriate, relativamente al prezzo del latte.

Riguardo alle bozze di proposta di legge “Talanas, Cocciu, Cera”, l’Associazione giudica positivamente l’iniziativa, apprezzando il metodo del confronto e della preventiva consultazione con la base produttiva, adottato dai consiglieri proponenti e aderendo al loro invito, suggerisce ai fini di una eventuale condivisione unitaria, le integrazioni e modifiche ritenute necessarie per rendere gli atti ricevibili e compatibili con le necessità del comparto.

La proposta dell’Associazione è:

- l’assegnazione di 150 euro a capo e per un solo anno condizionando il pagamento all’adempimento dei seguenti impegni da parte dell’allevatore:

- rottamazione delle pecore più vecchie e meno produttive;

- impegno degli allevatori all’utilizzo dei fondi anche per regolarizzare la posizione contributiva delle loro aziende con l’INPS.

- adesione volontaria degli allevatori al programma di produzione della tipologia di “agnello pesante”

- riduzione del 30% degli abituali conferimenti di latte ovino/caprino, alle strutture casearie industriali, affidando la vendita del corrispondente quantitativo, alle O.P. presenti nel territorio regionale, non escludendo a priori la possibilità di fornirlo alle cooperative che ne facessero richiesta, subordinandolo all’assunzione dell’impegno alla diversificazione della produzione casearia, che dovrà essere orientata a prodotti diversi dal Pecorino Romano;

- impegno della regione al finanziamento delle iniziative progettuali, condivise dall’associazione Più Sardegna da M.P.S. Movimento Pastori Sardi e dai gruppi spontanei di allevatori che da tempo si sono dissociati dalle iniziative dei pastori senza bandiere rappresentati dai due autoproclamati leader."

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop