Cagliari

Vertenza latte. Movimento Pastori Sardi: “Sempre le stesse risposte. In Sardegna tira aria di rivolta”

Nei giorni scorsi l’incontro con la ministra Bellanova: “Non cediamo all’apatia”

Vertenza latte. Movimento Pastori Sardi: “Sempre le stesse risposte. In Sardegna tira aria di rivolta”

Di: Antonio Caria


Ancora la vertenza latte in primo piano. Nei giorni scorsi, infatti, tra il Movimento Pastori Sardi e la ministra dell’Agricoltura, Teresa Bellanova.

“Ennesimo incontro, ennesimo tavolo, ennesime considerazioni e, dopo mesi, ennesime risposte. Così uguali a sempre che abbiamo avuto come la sensazione che quell’incontro non fosse altro che: “Facciamoli venire a Roma, li teniamo buoni con un tavolo ministeriale, gli diamo importanza ma non ci spostiamo di una virgola”, hanno sottolineato dal Movimento.

La ministra, aggiungono, “Ha riproposto esattamente la stessa triade rifilata quando si trovava in terra sarda: 14 milioni ritiro eccedenze, 10 milioni per accordi di filiera, 5 per abbattere i tassi sui mutui. Noi rimaniamo allibiti, o forse no, l’abitudine è una brutta bestia. Ma anche se non ci stupiamo, non possiamo tacere il fatto che con questo piano, con questa minestra strariscaldata le cose non cambieranno. Non cambierà il sistema che genera il prezzo del latte, non cambieranno i poteri instabili della filiera”. 

“Abbiamo chiesto – rimarcano – che quei fondi venissero rimodulati per incentivare, strutturare e aggregare i pastori, ma ti pare? Che palle questi discorsi, che noia queste utopie! Sai che facciamo? Se adesso non ci sono eccedenze e quindi non servono i 14 milioni per destinare il formaggio agli indigenti, ce li conserviamo per i prossimi anni, così se qualcuno crea eccedenze, supera le quote ecc, siamo pronti a sistemare le cose”. 

“Vi assicuriamo – queste ancora le loro parole – che non è il teatro dell’assurdo. È la dura realtà che ci si pone davanti. Altro che cambiare il sistema, abbiamo un salvadanaio per chi si fa gli affari suoi, fottendosene dell’intero comparto. In questo modo è irragionevole una qualsivoglia ripresa del prezzo, al quale tra l’altro poco si è fatto cenno. Meglio pensare alle Banche”.

“Ma da ogni delusione, fiorisce sempre anche quella giusta dose di propulsione a non cedere all’apatia che pretendono di farci in vena. Perciò, Cara Ministra, Le abbiamo a più riprese riferito che odiamo le minestre riscaldate perciò le comunichiamo – concludono dal Movimento Pastori Sardi – che qui in Sardegna tira vento di rivolta, un vento che dalle campagne sposteremo in città, dove vorremmo condividere la burrasca con chi da sempre solidarizza con le nostre manifestazioni”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop