Atzara

Autunno in Barbagia. Fine settimana ad Atzara fra vino e pittura

Ecco il programma completo

Autunno in Barbagia. Fine settimana ad Atzara fra vino e pittura

Di: Redazione Sardegna Live


Questo weekend l’appuntamento è ad Atzara per la tappa di Autunno in Barbagia 2019.

La comunità del centro agricolo del Mandrolisai, situato sul versante occidentale del Gennargentu, è pronta ad accogliere i suoi turisti e visitatori che potranno degustare il suo prezioso vino e i piatti della tradizione, fare passeggiate all’aria aperta e scoprire il suggestivo centro storico che vanta un ampio patrimonio artistico e architettonico.

Da non perdere il percorso “degustativo-esperenziale” per apprezzare i migliori vini del Mandrolisai, prodotti dalle migliori aziende del territorio, i musei, le antiche case e “la filiera de su pane ‘e saba”, il dolce tipico di Atzara.

Ecco il programma completo:

Sabato 16 Novembre

ORE 10:30 Palazzo Civico. Apertura del punto informazioni.

Centro storico. Apertura del percorso ''Cortes e magasinos de Atzara'' nel Borgo dei Borghi della Sardegna 2019, con le esposizioni degli artigiani locali, le degustazioni dei prodotti tipici e del rinomato vino di Atzara.

Museo Ortiz-Echagüe. Mostra ''Cent'anni, i Maestri della pittura sarda del ‘900''. 43 opere dei 36 maestri della pittura sarda vi aspettano nelle sale espositive. (A cura della Ass. Antonio Corriga, del Comune di Atzara e della Coop. Progetto cultura).

Museo Ortiz-Echagüe. ''Viaggio nella storia. Atzara e Archeologia. Mostra fotografica''. Allestimento a cura della Coop Progetto cultura, in collaborazione con la Proloco di Atzara e con l'Archeologa Carmen Delogu.

Centro Storico. ''Le antiche dimore atzaresi''. I turisti e i visitatori potranno ammirare le più antiche dimore storiche di Atzara:

Casa Tziu Arzolu, ''Mostra del costume tradizionale di Atzara nell'antica dimora del Cavalier Bartolomeo Demurtas''. (A cura di Grazia Demurtas e del Gruppo Folk di Atzara).

Casa Donna Anna Maria, ''Apertura della storica Casa Museo'. (A cura del Comitato Santa Maria di Atzara).

Casa Aragonese, ''Dimostrazione della produzione de S'abbardente e mostra artigianale'. (A cura dell'Associazione calcio Atzara).

Casa Carburu. ''Il borgo dei borghi''. Atzara eletto Borgo dei Borghi della Sardegna 2019 (tra i 20 Borghi più belli d'Italia), ospita L'Isola di Sant'Antioco, Iglesias e Maracalagonis, borghi che metteranno in vetrina i prodotti tipici, le specificità culturali, storiche e archeologiche del proprio territorio. (A cura del Centro Commerciale Naturale).

Casa Tzia Peppa. ''La filiera de su pane ‘e saba''. Dimostrazione della lavorazione del dolce tipico di Atzara, degustazione e vendita''. (A cura del Coro Polifonico femminile Coro Meu'').

Sede storica Pro loco. ''Dimostrazione della tessitura tradizionale, mostra espositiva di lavori artigianali della tessitura con lana e lino e dell'intreccio della palma ''. (A cura della Pro Loco di Atzara).

Centro Storico. Museo del vino. ''In viaggio nel Mandrolisai, il Paesaggio rurale storico d'Italia''. Percorso esperienziale di qualità alla scoperta dei migliori vini prodotti nel territorio, con la partecipazione delle aziende: Cantina del Mandrolisai e Cantina Sassu di Sorgono, Cantina Fulghesu Le Vigne, Cantina Demuru e Cantina Meana di Meana Sardo, Cantina Bingiateris e Cantina Carboni di Ortueri, Vitivinicola Fradiles di Atzara. (A cura del Centro Commerciale Naturale di Atzara).

Piazza Ortiz. ''Domos de pedra. Su ‘ighinau antigu''. Rivisitazione delle attività tipiche del borgo agro-pastorale, con il contributo dei bambini e degli anziani di Atzara. (A cura di Antonio Mele e del Centro Commerciale Naturale di Atzara).

ORE 15:30. Centro Storico. ''Itinerario storico, artistico e architettonico per le vie del centro storico''. A Cura della Coop. Progetto Cultura.

La giornata sarà animata dai suoni, dai canti e dai balli della tradizione folkloristica sarda con i gruppi itineranti Sonos e cantos, Durusia, Dilliriana e dagli organettisti.

Domenica 17 Novembre

ORE 10:00 Palazzo Civico. Apertura del punto informazioni.

Centro storico. Apertura del percorso ''Cortes e magasinos de Atzara'' nel Borgo dei Borghi della Sardegna 2019, con le esposizioni degli artigiani locali, le degustazioni dei prodotti tipici e del rinomato vino di Atzara.

Museo Ortiz-Echagüe. Mostra ''Cent'anni, i Maestri della pittura sarda del ‘900''. 43 opere di 36 maestri della pittura sarda vi aspettano nelle sale espositive. (A cura della Ass. Antonio Corriga, del Comune di Atzara e della Coop. Progetto cultura).

Centro Storico. ''Le antiche dimore atzaresi''. I turisti e i visitatori potranno ammirare le più antiche dimore storiche di Atzara:

Casa Tziu Arzolu, ''Mostra del costume tradizionale di Atzara nell'antica dimora del Cavalier Bartolomeo Demurtas''. (A cura di Grazia Demurtas e del Gruppo Folk di Atzara).

Casa Donna Anna Maria, ''Apertura della storica Casa Museo'. (A cura del Comitato Santa Maria di Atzara).

Casa Aragonese, ''Dimostrazione della produzione de S'abbardente e mostra artigianale'. (A cura dell'Associazione calcio Atzara). 

Casa Carburu. ''Il borgo dei borghi''. Atzara eletto Borgo dei Borghi della Sardegna 2019 (tra i 20 Borghi più belli d'Italia), ospita L'Isola di Sant'Antioco, Iglesias e Maracalagonis, borghi che metteranno in vetrina i prodotti tipici, le specificità culturali, storiche e archeologiche del proprio territorio. (A cura del Centro Commerciale Naturale).

Casa Tzia Peppa. ''La filiera de su pane ‘e saba''. Dimostrazione della lavorazione del dolce tipico di Atzara, degustazione e vendita''. (A cura del Coro Polifonico femminile Coro Meu).

Sede storica Proloco. ''Dimostrazione della tessitura tradizionale, mostra espositiva di lavori artigianali della tessitura con lana e lino e dell'intreccio della palma ''. (A cura della Pro Loco di Atzara).

Centro Storico. Museo del Vino. ''In viaggio nel Mandrolisai, il Paesaggio rurale storico d'Italia''. Percorso esperienziale di qualità alla scoperta dei migliori vini prodotti nel territorio, con la partecipazione delle aziende: Cantina del Mandrolisai e Cantina Sassu di Sorgono, Cantina Fulghesu Le Vigne, Cantina Demuru e Cantina Meana di Meana Sardo, Cantina Bingiateris e Cantina Carboni di Ortueri, Vitivinicola Fradiles di Atzara. (A cura del Centro Commerciale Naturale di Atzara).

Piazza Ortiz. ''Domos de pedra. Su ‘ighinau antigu''. Rivisitazione delle attività tipiche del borgo agro-pastorale, con il contributo dei bambini e degli anziani di Atzara. (A cura di Antonio Mele e del Centro Commerciale Naturale di Atzara).

10:30 Casa Tzia Peppa. ''Il ciclo del vino del Mandrolisai nel Paesaggio Rurale Storico d'Italia''. Dimostrazione della lavorazione delle uve locali, della pigiatura, della svinatura e della distillazione delle vinacce. (A cura del Coro Polifonico di Atzara). ''La filiera de su pane ‘e saba''. Dimostrazione della lavorazione del dolce tipico di Atzara, degustazione e vendita''. (A cura del Coro Polifonico femminile Coro Meu).

11:00 Casa Tzia Peppa-Piazza Ortiz. ''A s'antiga''. Tradizionale sfilata di buon auspicio per il vino nuovo e per i prodotti della terra, con i bambini di Atzara e le antiche maestranze, lungo le vie del paese, accompagnati da suoni delle launeddas. La prima botte sarà trasportata con l'antico carro a buoi nel percorso, fino alla sua apertura. La sfilata partirà da Casa Tzia Peppa e si concluderà in Piazza Ortiz. (A cura di Antonio Mele e del Centro Commerciale Naturale di Atzara).

11:00 Centro Storico. ''Itinerario storico, artistico e architettonico per le vie del centro storico''. A Cura della Coop. Progetto Cultura.

11:30 Piazza Ortiz. ''Apertura della prima botte''. Cerimonia tradizionale con l'assaggio del vino nuovo. A cura del ''Coro polifonico di Atzara''.

11:30 Laboratorio La Robbia. ''La tintura tradizionale''. Dimostrazione dell'antica arte della tintura dei tessuti con i colori naturali. A cura del ''Laboratorio La Robbia''. La dimostrazione verrà replicata alle ore 16.30.

15:30 Centro Storico. ''Itinerario storico, artistico e architettonico per le vie del centro storico''. A Cura della Coop. Progetto Cultura. 

15:30 Centro Storico. ''Spettacolo Medievale''. Il gruppo Medievale del Quartiere Castello di Iglesias si esibirà per le vie del centro storico con gli abiti risalenti al XIII-XIV secolo. Il corteo si concluderà nella Piazza San Giorgio con le esibizioni dei musici e degli sbandieratori. (A cura del Centro Commerciale di Atzara).

18:30 Piazza San Giorgio. ''Atros annos cun salude!''. Chiusura della manifestazione con ''Fuochi pirotecnici'' e canti e balli della tradizione folkloristica sarda.

La giornata sarà animata dai suoni, dai canti e dai balli della tradizione folkloristica sarda con le postazioni fisse e itineranti dei gruppi: Sonadas, Launeddas del Sinis, Sonos e Cantos, Dringhiglios, Dilliriana, Inghirios de ballu, Durusia, Su Cuntzertu Antigu e dagli organettisti.

In viaggio nel Mandrolisai

Alla scoperta dei migliori vini del territorio

Un percorso degustativo esperenziale che ti farà apprezzare i migliori vini del Mandrolisai, prodotti dalle migliori aziende del territorio:

 

Cantina Sociale Mandrolisai, Cantina Sassu, Vitivinicola Fradiles, Cantina Le Vigne-Fulghesu, Cantina Demuru, Cantina Meana, Cantina Carboni e Cantina Bingiateris.

Per degustare i migliori vini del Mandrolisai si deve acquistare un pass del costo di 10 euro che include quattro degustazioni. Se si restituisce il bicchiere che sarà consegnato saranno restituiti due euro.  

 

Cantina Sociale Mandrolisai - I Comuni.

Aztara: Centro del Mandrolisai, famoso per il vino e per l'arte. I suoi vigneti storici hanno ottenuto il riconoscimento di Paesaggio rurale storico d'Italia, unico in Sardegna. Per il suo centro storico è stato insignito del riconoscimento di Borgo dei Borghi della Sardegna ed è tra i 20 Borghi più belli d'Italia del 2019.

Sorgono: Località resa celebre dalla presenza del parco archeologico di "Biru 'e Concas", dove risiede la più alta concentrazione di Menhir del Mediterraneo.

Meana Sardo. Comune che si adagia ai piedi del Monte Sant'Elia, in un territorio che alterna aspre montagne a terreni medio collinari, dove sono coltivati vigneti eroici. Famosa per la produzione di ottimi formaggi, ospita nel suo territorio il maestoso Nuraghe Nolza, tra i più belli della Sardegna.

Ortueri. Località che può vantare un territorio generoso che permette di produrre ottimi vini e olio di grande pregio. Famosa per la produzione di sughero, mostra segni della occupazione romana, come le necropoli di Pedra Litterada. Paese ricco di tradizioni ospita il meraviglioso Parco Mui Muscas, dove sono protetti gli asinelli sardi.

 

Le cantine.

Fradiles

La Cantina Fradiles nasce dalla ricostruzione dell'antica azienda di famiglia, ad Atzara. La cantina è situata in prossimità dei vigneti per consentire un'immediata vinificazione dell'uva raccolta manualmente. E’ quì, nelle dolci colline del Mandrolisai, che, con l'intento di preservare il ricco patrimonio vitivinicolo locale, si producono vini d'eccellenza.

 

Mandrolisai

La Cantina del Mandrolisai nasce a Sorgono nel 1950 e prende il nome dalla Regione geografica, una delle più interne della Sardegna e una delle più celebri tra le tradizionali zone di produzione di vini nell'Isola. Quì, nel cuore della Sardegna, nelle alte terre del vino, nascono prodotti d'eccellenza.

 

Sassu

La Cantina Sassu nasce a Sorgono, dove, nei pressi del santuario di San Mauro, si trovano i vigneti di famiglia, a circa 600 metri d'altitudine. Con entusiasmo e semplicità, Carlo e Francesca, seguono sia le lavorazioni in campo che la vinificazione in cantina, sempre all'insegna della tradizione. L'azienda produce due vini he rispecchiano il carattere forte, generoso e orgoglioso del territorio del Mandrolisai.

 

Demuru

La Cantina Demuru nasce a Meana Sardo, grazie alla passione di Marco Demuru. Tutte le lavorazioni vengono effettuate in famiglia con particolare attenzione al rispetto per la natura, nell'ottica di una produzione biologica. L'azienda crede fortemente nella promozione di una produzione identitaria capace di valorizzare le specificità del Mandrolisai. “Il nostro orgoglio e la nostra passione, garantiscono la produzione di vini preziosi”.

 

Le Vigne

La Cantina Le Vigne nasce a Meana Sardo, dalla passione della famiglia Fulghesu-Chighini. A partire dal 1969 e per ultimo nel 2005, l'Azienda ha incrementato la superfice vitata e le strutture per la vinificazione, integrando la decennale tradizione familiare con le esigenze dei mercati moderni. Le lavorazioni tradizionali dei vigneti, ad alberello, garantiscono la produzione di vini d'eccellenza.

 

Meana

La Cantina Meana nasce per volontà di due produttori di riscoprire la tradizione viticola locale per darle un nuovo impulso. Attraverso la valorizzazione degli antichi vigneti, che dimorano nelle aspre colline di Meana Sardo, in terreni scistosi e incontaminati, con passione e dedizione diamo vita a vini di carattere e ricchi di intensi profumi.

 

Bingiateris

La Cantina Bingiateris nasce ad Ortueri, dalla passione di un gruppo di amici per la viticoltura e per la propria terra. La ristrutturazione di antichi vigneti familiari ha permesso di rafforzare il legame con la tradizione e di offrire vini autentici e di grande qualità, con l'intento di valorizzare il Mandrolisai

 

Carboni

La Cantina Carboni nasce negli anni '90 dalla passione del titolare Giuseppe che, con la filosofia di coniugare tradizione e innovazione, è alla ricerca di produzioni capaci di rappresentare la qualità del territorio. La Cantina Carboni ama mantenere l'idea che il vino sia un prodotto di famiglia e che debba, tramite la passione e la competenza, testimoniare la storia della comunità contadina e la qualità del terreno.

 

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop