Cagliari

Tafferugli alla Marina, notte di follia dei tifosi polacchi nel dopo partita Cagliari-Pogon. Ci sono alcuni arresti

Tavolini e sedie distrutti, bombe carta e petardi esplosi tra i clienti che affollavano i locali nei pressi di via Napoli e via Cavour

Di: Alessandro Congia


Chiamarli o definirli tifosi è già un complimento, perché le loro gesta, ieri notte, erano tutt’altro che manifestazioni di entusiasmo sportivo. Nel dopo partita amichevole tra il Cagliari Calcio e il Pogoń Szczecin, nel quartiere della Marina, c’è stato il finimondo.

Un gruppetto di polacchi, quasi certamente sotto l’effetto dell’alcol, ha raggiunto le stradine interne alla via Roma e ha seminato il panico tra i residenti e i clienti che a quell'ora affollavano i locali. Il frastuono degli episodi di teppismo ha svegliato gli abitanti che hanno chiamato il 113.

“E poi ti svegli con lo scoppio di bombe carta mentre dei tifosi Polacchi del Pogon devastano il quartiere Marina lanciando in aria tavolini e sedie...creando il terrore tra la gente”, scrive in un post Massimiliano Medda, della compagnia teatrale Lapola, mentre il barista-scrittore, Sandro Mascia gli fa eco denunciando ancora una volta il fenomeno dei market della Marina aperti, con i gestori che vendono alcol in bottiglia senza osservare le regole imposte dal Comune e dalla Polizia Municipale.

Gli arresti

Intanto in Questura, la Polizia di Stato conferma alcuni fermi nei confronti di 6 cittadini polacchi: la loro posizione è attualmente al vaglio da parte della Procura della Repubblica di Cagliari.

Le prime avvisaglie che tra le due tifoserie non ci fosse un’aria amichevole si sono avute intorno alle 19.30, poco prima dell’inizio della partita, nell’area esterna antistante i settori distinti/curva nord. Un gruppo di tifosi locali stazionava nei pressi dei tornelli del settore distinti, quando al passaggio di un gruppo di circa 30 tifosi polacchi, uno di questi si è rivolto verso i cagliaritani mostrando i pugni chiusi in segno di sfida. A questo punto un tifoso locale ha colpito con un pugno un polacco, facendo scaturire un inizio di rissa dove un tifoso locale, rimasto isolato dal gruppo, è stato colpito con calci e pugni. La situazione è stata risolta con l’intervento di una squadra del Reparto Mobile “Sardegna”, preventivamente collocata nei punti nevralgici di maggiore afflusso dei tifosi, facente parte del dispositivo di ordine pubblico che la Questura aveva già approntato per l’occasione.

L’azione immediata dei poliziotti è servita a ripristinare subito l’ordine. Su questo episodio la DIGOS sta svolgendo le indagini per individuare gli autori dell’aggressione, grazie anche alle riprese foto video svolte dalla Polizia Scientifica, per valutare i successivi provvedimenti da adottare.
Sino alla fine dell’incontro di calcio non si sono verificati episodi tra i tifosi. Dopo aver completato il deflusso dei tifosi locali, i tifosi polacchi, circa un’ottantina, dopo essere stati fatti uscire in condizioni di sicurezza, sono stati fatti allontanare dall’area Stadio e gli stessi si sono dispersi in piccoli gruppi.
Contemporaneamente veniva rafforzato il dispositivo di controllo del territorio e di vigilanza nel centro cittadino, tramite pattuglie della Squadra Volante, del Reparto Mobile “Sardegna”, personale della DIGOS e della Polizia Scientifica.
Un gruppo di circa 50 polacchi ha raggiunto la Via Cavour con Via Lepanto dove è iniziato lo scoppio di petardi con l’accensione di fumogeni da parte di un altro gruppo di cagliaritani travisati che, brandendo cinture, bottiglie di vetro e bastoni, ha intonato cori offensivi nei confronti degli stranieri.
Nel volgere di pochi minuti la situazione è degenerata in violenti scontri e alcuni esercizi commerciali hanno subito danni alle suppellettili esterne per la furia dei tifosi, i quali le hanno utilizzate, brandendole come armi improprie . Gli operatori della Polizia di Stato, già presenti nelle vie limitrofe, con una efficace e rapida azione, hanno bloccato i facinorosi, disperdendo i tifosi ed evitando conseguenze ben più gravi.

I nomi
In questi momenti concitatati un piccolo gruppo di stranieri si è staccato cercando di dileguarsi tra le vie del centro. Subito i poliziotti li hanno individuati ed inseguiti per la via Sardegna. Vano è stato il tentativo di questi di sfuggire al fermo, trovando rifugio in un B&B: gli Agenti della DIGOS, insieme ai poliziotti del Reparto Mobile, sono riusciti a bloccarli e ad identificarli, riconoscendo sei di loro per essere stati parte attiva nei disordini:

KOSIDLO MICHAL, classe 1989;
KASPIZKYK Maciej Zbigniew, classe 1976;
SUDOL Martin Krzysztof, classe 1984;
BARAN Marcin, classe 1976;
ADAMIAK Tomasz, classe 1982;
KRZYCH Tomasz, classe 1972

Condotti in Questura, dopo gli accertamenti di rito, i sei sono stati tratti in arresto per rissa aggravata e danneggiamento. I poliziotti, ancora, hanno rinvenuto e sequestrato due parti di piccozze, un fumogeno ed un razzo paracadute abbandonati durante la fuga a seguito dell’intervento della Polizia. Stamattina gli arrestati sono stati presentati all’udienza per direttissima.
Nell’ambito delle prime indagini sul primo episodio verificatosi allo stadio sono stati identificati e deferiti all’A.G. tre cagliaritani.

Proseguono gli accertamenti della DIGOS, con il contributo della Polizia Scientifica, per indentificare ulteriori responsabili di quanto accaduto e valutare nei loro confronti l’emissione dei provvedimenti opportuni, anche amministrativi di D.A.Spo.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop