Pula

“Pula insieme per l’ambiente”, parte il percorso partecipato per ridurre il consumo della plastica

Il Sindaco Carla Medau: “Il nostro intento non è imporre, ma creare un nuovo valore sociale e territoriale”

“Pula insieme per l’ambiente”, parte il percorso partecipato per ridurre il consumo della plastica

Di: Antonio Caria


Un percorso partecipato con l’obiettivo di ridurre il consumo di plastica nel litorale di Pula e nel centro abitato.  

Questa la finalità del Protocollo d’Intesa “Pula Insieme per l’Ambiente” firmato questa mattina nella Sala Polifunzionale della Città Metropolitana di Cagliari presso il Parco di Monte Claro tra Comune di Pula e Università di Cagliari, Associazioni di Categoria, Forte Village Resort, Lagambiente, Associazioni Balneari, CEAS Laguna di Nora, Associazioni Commercianti “Vivi Pula”, Associazioni Sportive, Culturali e Turistiche; Parrocchia San Giovanni Battista di Pula; Ipsar “D. A. Azuni” di Pula, Sportello Impresa del Comune di Pula.

Il Protocollo d’Intesa, primo in Sardegna e secondo in Italia, vuole limitare al massimo la produzione di plastiche monouso nei locali cittadini, all’interno degli stabilimenti  balneari, e allo stesso tempo promuovere azioni di sensibilizzazione al fine di diffondere una più ampia e complessiva dimensione della sostenibilità ambientale, economica e sociale.

Per la Sindaca Medau “Questo Protocollo nasce con l’idea di passare da un’ordinanza a un percorso partecipato in cui esercenti, associazioni e cittadini siano coinvolti attivamente nell’adozione di stili di vita e attività sostenibili. Il nostro intento non è imporre, ma creare un nuovo valore sociale e territoriale. La sfida alla plastica si vince infatti solo se ci si sente partecipi di un progetto comune e noi siamo pronti a raggiungere insieme questo obiettivo virtuoso per la salvaguardia dell’ambiente e di tutti noi”.

Tre punti chiave: Ridurre l’utilizzo di prodotti in plastica usa e getta, sostituire la plastica con materiali biodegradabili e compostabili e sensibilizzare i cittadini sull’utilizzo della plastica e il corretto smaltimento dei rifiuti.

Le azioni di intervento inizieranno il 15 luglio 2019 e interesseranno il percorso virtuoso volto ad eliminare dalle spiagge, dai locali e dalle manifestazioni pubbliche: posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande, contenitori per alimenti, tazze e bicchieri in plastica monouso da sostituire (previo smaltimento delle scorte di magazzino fino al 31 Ottobre) con prodotti in materiale biodegradabile e compostabile.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop