Cagliari

Sardegna depredata, quasi 600 reperti archeologici recuperati e 52 denunce dei Carabinieri

Stamane in via Dei Salinieri, il bilancio dei militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cagliari

Sardegna depredata, quasi 600 reperti archeologici recuperati e 52 denunce dei Carabinieri

Di: Alessandro Congia


Numeri che fanno riflettere di quanto sia florido il commercio clandestino di bronzetti, gioielli e vasellame antichi che vengono venduti tra collezionisti e appassionati. Senza poi contare l’attività illecita dei tombaroli nei siti di importante pregio storico: questa mattina, in via Dei Salinieri, il soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Cagliari, Maura Picciau assieme al Maggiore Paolo Montorsi, hanno tracciato un resoconto delle indagini e dei sequestri operati, con le relative denunce all’Autorità Giudiziaria nei confronti di numerosi soggetti.

In particolare, sono circa 3mila i beni culturali, tra cui reperti archeologici, beni archivistico/librari, oggetti ecclesiastici e opere d’arte contraffatte, recuperati dai militari dell’Arma durante un anno di intenso lavoro: 52 le persone denunciate a vario titolo coinvolte in un vasto giro di traffico di reperti (poco meno di 600 sono gli oggetti trafugati, tra cui spiccano bronzetti di epoca nuragica, gioielli e vasellame di vario tipo.

In possesso di un antiquario di Cagliari sono stati inoltre individuati 39 beni ecclesiastici rubati a marzo del 2018 nella chiesa campestre di "Centro 2 Sassu" ad Arborea. I prodotti artigianali sono stati restituiti alla comunità parrocchiale, mentre per l’antiquario è scattata la denuncia per ricettazione. Restituito poi all'Archivio Storico Diocesano di Cagliari un documento d'archivio del 1592dal titolo "Informacion recebida sobre la invencion y milagros de la santa imagen de la santissima virgen de buenayre", assieme alla traduzione in italiano di fine '800 - inizi '900 con cui l'Arcidiocesi di Cagliari riconobbe ufficialmente la storia e i miracoli attribuiti alla statua di Nostra Signora di Bonaria, custodita nell’omonima Basilica.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop