In Sardegna

Gruppo Folk Pro Loco di Pozzomaggiore: “Ecco la nostra prima Cavalcata Sarda”

“In giro per la Sardegna la nostra passione per le tradizioni”

Gruppo Folk Pro Loco di Pozzomaggiore: “Ecco la nostra prima Cavalcata Sarda”

Di: Antonio Caria


La Cavalcata Sarda non è solo una grande festa della bellezza, una sfilata di costumi e maschere tradizionali della Sardegna, ma è anche fatta di storie. Una di queste riguarda Pozzomaggiore, un paese noto in Sardegna per le sue tre ardie (San Giorgio, San Pietro e San Costantino) e per Edvige Carboni, che sarà beatificata il prossimo 15 giugno, senza dimenticare il Coro di Pozzomaggiore e il Cuncordu Planu de Murtas.

Ma c’è anche un gruppo folk, quello della “Pro Loco”, che proprio ieri ha fatto il suo esordio ufficiale alla Cavalcata. Una grande vetrina per questo gruppo la cui prima uscita, come ci ha specificato Lucia Cossu, risale al 2018, in occasione della festa della Madonna della Salute.

Una passione che per le tradizioni, i balli e la cultura della nostra isola che ha spinto alcuni giovani pozzomaggioresi a unirsi per valorizzare il patrimonio degli abiti tradizionali e delle danze locali.

Negli anni novanta, grazie al grande lavoro di Battista Saiu Pinna, è stato portato avanti un’importante lavoro di ricerca del vestiario tradizionale pozzomaggiorese.

L’abito maschile è composto da “Su Entone”, la camicia di lino, o di cotone per i ricchi. Il collo è a Chintula, fermata da due bottoni d’argento d’oro o d’osso in base alla ricchezza; “Su coritu” di velluto nero arricchito, sul davanti, da dei bottoni neri; “Sas ragas” fatte di orbace increspato in vita e fermato da una cintola in alto, con ai fianchi due tasche a forma di trapezio. 

Completano l’abito “Sos caltzones" de tela di lino, "Sas caltzas" di orbace o gambali di cuoio, “Le ghette” di orbace, "Sa berrita" e "Su gabbanu de fresi" in orbace.

Quello femminile è composto da “Sa Camija” di lino finissimo o cotone, ricamata nel colletto, sul davanti e sui polsini; “S’imbusta” (il busto che sostienet seno e fianchi), “Sa munnedda pressada", realizzata con lana scelta, “Su coritu" ricamato con fili di seta floreali o geometrici e impreziosito dalle pailletes. Lo stesso viene impreziosito da “Sa Butonera”, i bottoni a melograno in filigrana d’argento.

Completano il tutto “Sa Faldita”, “Su mucaloru” e “Sas prendas”, gioielli in filigrana d’oro, d’argento corallo e madre perla. Una grande soddisfazione per il gruppo aver partecipato alla settantesima edizione della Cavalcata. Il loro auspicio è che questa sia solo una delle tante.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop