Sant'Antioco

Sant’Antioco apre le porte dei suoi monumenti

La manifestazione della Imago Mundi sbarca nell’isola domani e domenica 19 maggio

Sant’Antioco apre le porte dei suoi monumenti

Di: Antonio Caria, fotografia monumentiaperti.com


“La nostra isola, che prende il nome dal Santo protettore Antioco, patrono della Sardegna, ha una storia che affonda le sue radici in epoca plurimillenaria. Le ricche testimonianze archeologiche, i monumenti storici, le variegate fonti culturali, impreziositi dalla bellezza paesaggistica, si propongono spontaneamente, affascinando il visitatore”.

Sono queste le parole di dell’Assessora alla Cultura, Beni Culturali e Pubblica Istruzione del Comune di Sant’Antioco, Rosalba Cossu. La ventitreesima edizione di Monumenti Aperti, manifestazione coordinata da Imago Mundi Onlus, per il suo quarto fine settimana, sbarcherà nell’isola domani 18 e domenica 19 maggio.

“A guidarci nella conoscenza dettagliata dei luoghi che caratterizzano il nostro prezioso patrimonio saranno i “tanti volontari della cultura”, rappresentanti delle Scuole, Associazioni, Enti – queste ancora le sue parole -. A loro il nostro grazie per la generosa e preziosa collaborazione. Confidiamo che l’evento sia occasione di promozione e fruizione culturale, esperienza di coesione sociale, impegno festoso, opportunità di crescita. Quest’anno, all’ingresso dell’isola, prima del ponte, i visitatori saranno accolti da ”Su Para e Sa Mongia”, due menhir. Avvolti dal silenzio della natura, sferzati dal vento e abbagliati dal sole del tramonto, si ergono, sfidando il tempo, testimoni del lontano passato. Invitano a non dimenticare, ad unire gli sforzi, per proteggere, salvaguardare, valorizzare. Alle nuove generazioni, soprattutto, il compito di rendere sempre più fruttuose queste preziose radici.”.

18 i monumenti visitabili con le 3 novità date dalla Biblioteca comunale Palazzo del Capitolo, il  Nuraghe S’Ega ‘e Marteddu e i menhir Su Para e Sa Mongia (il Frate e la Suora)

A questi si agigungono l’Acropoli, l’Archivio storico comunale, il MuMa il Museo del Mare e della Navigazione di Sant’Antioco, Museo Archeologico Barreca, il Museo Etnografico, la Necropoli punica di Sulky, la Fonte romana Is Solus, l’ipogeo punico noto come Grotta della natività, il Tofet, un’area sacra a cielo aperto, la Tomba dei Giganti, la Torre Canai, il villaggio Ipogeo, il complesso nuragico di Grutti‘e Acqua, la Salina di Sant’Antioco e il Forte Sabaudo.

I monumenti sono visitabili gratuitamente, il pomeriggio di sabato dalle 16.00 alle 20.00 e la domenica dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop