Torino

L’Aes a Torino: “Come Maria Lai per lanciare un messaggio di pace e coesione”

Gli editori sardi invadono il Lingotto con un lungo nastro artistico

L’Aes a Torino: “Come Maria Lai per lanciare un messaggio di pace e coesione”

Di: Antonio Caria


È partita dalla Sardegna in direzione di Torino la valigia carica di sogni dell’Associazione Editori Sardi che sta prendendo parte alla trentaduesima  edizione del Salone Internazionale del Libro.

I tesori di un’isola che – ispirandosi alla celebre artista Maria Lai vuole rivolgere al mondo un forte messaggio di pace e di coesione.

In fase di inaugurazione, l’evento d’arte realizzato dall’AES assieme a Casa Falconieri, ha fatto emergere libri, colori, stoffe e infine un lungo nastro decorato e corredato di alcuni dei passi più significativi della storia della letteratura sarda.

Parole tratte dalle opere di Grazia Deledda, Antonio Gramsci, Francesco Masala e altri grandi scrittori che, nel momento di forte carica emozionale, sono sembrate quasi riecheggiare nel cuore del Lingotto.

A srotolare il nastro la presidente Aes Simonetta Castia e l’artista Gabriella Locci, coadiuvate dal direttore artistico Dario Piludu, per circoscrivere con oltre cento metri di stoffa l’intera Sala Avorio.

Il momento più emozionate è stato in serata, grazie a una partecipata performance nei più ampi spazi del Padiglione Oval, dove l’AES ha esposto ben tremila libri e oltre ottocento titoli al fianco dei grandi marchi dell’editoria libraria internazionale.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop