Sassari

Respinta al Pronto soccorso perde il bambino, Aou Sassari: "Chiarezza su quanto sia effettivamente avvenuto"

La direzione: "Dispiaciuti per quanto accaduto alla signora"

Respinta al Pronto soccorso perde il bambino, Aou Sassari:

Di: Redazione Sardegna Live


“La direzione strategica ha richiesto alle strutture aziendali di riferimento l’avvio di un audit interno con tutti i soggetti interessati perché si possa fare chiarezza su quanto sia effettivamente avvenuto”. È quanto fa sapere la direzione dell’Aou di Sassari, che interviene sulla vicenda relativa alla giovane donna che ha dichiarato alla stampa di aver avuto un aborto spontaneo nei parcheggi situati vicino alla clinica, dopo essere stata al pronto soccorso della Ginecologia e Ostetricia.

“Siamo dispiaciuti per quanto accaduto alla signora», conclude la direzione.

Tutto è successo sabato scorso. Una giovane donna alla quinta settimana di gravidanza che ha perso il bambino dopo essere stata respinta dal Pronto soccorso ostetrico-ginecologico dell'Aou di Sassari perché priva dell'esito di un tampone molecolare.

Lei, Alessia Nappi di 25 anni, e suo marito Enzo chiedono giustizia e annunciano una denuncia in Procura nei prossimi giorni, forse già domani.

"Siamo andati in clinica perché Alessia accusava dolori alla pancia e qualche perdita di sangue - racconta Enzo all'ANSA -. All'ingresso un'ostetrica ha chiesto quali sintomi avesse e se avesse l'esito di un tampone molecolare per il Covid. Mia moglie - spiega - ha già fatto due dosi di vaccino e ha prenotato la terza, ma non aveva fatto nessun tampone prima di andare con urgenza in clinica. È stato chiesto di poterlo fare lì, ma non era possibile".

"Abbiamo aspettato 20 minuti nella sala d'attesa - continua - mentre mia moglie continuava ad avere delle perdite. Poi l'ostetrica ci ha detto che aveva parlato con il medico e che, essendo al primo mese di gravidanza, in ogni caso non avrebbero potuto fare nulla. Ci ha detto di andare a casa, prendere una tachipirina e ripresentarci il lunedì con l'esito del tampone molecolare".

"Nel parcheggio della clinica - prosegue Enzo - Alessia ha avuto forti dolori e sanguinava. Siamo arrivati a casa e lì ha avuto una forte emorragia. Ha perso il bambino che tanto desideravamo. È stata una cosa disumana, al Pronto soccorso mia moglie non è stata nemmeno vista da un medico. Ora vogliamo giustizia".

Correlati

Il nuovo shop di Sardegna Live

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop