Ottana

S'Iscravamentu in diretta da Ottana su Sardegna Live

La più suggestiva espressione del triduo pasquale. La funzione sarà accompagnata dalle strofe de “Sa Cantzone de sa vida santa”, dell’illustre ottanese tziu Soru

S'Iscravamentu in diretta da Ottana su Sardegna Live

Di: Lucia Pes


“S’iscravamentu”, il rito che si inserisce a prolungamento e chiusura della funzione liturgica del Venerdi Santo, raffigura la Sacra rappresentazione della deposizione di Gesù dalla Croce. Costituisce il momento più sentito dell’anno liturgico e certamente simboleggia uno degli eventi più suggestivi  della Settimana Santa in Sardegna.

È nel rispetto di una tradizione antichissima e con il fermo proposito di conservarne l’autenticità, che la Proloco di Ottanapunta alla valorizzazione e alla conoscenza di quanto si inserisce all’interno delle più primitive tradizioni del paese barbaricino.

Siamo consapevoli dell’autentico  valore che la nostra comunità conserva, è dunque  un dovere da parte nostra promuoverlo  e farlo  scoprire- afferma il Presidente della Pro Loco, Sandro Carboni  - i cerimoniali della Settimana Santa coinvolgono l’intera comunità, le confraternite e tutti i visitatori che di anno in anno ci regalano la loro presenza; ed è per questo che puntiamo a dare sempre più rilievo all’evento". A breve sarà disponibile il dvd, da noi realizzato, “ Sa Chida Santa “ che racconta, appunto le peculiarità delle commemorazioni pasquali.

Una delle caratteristiche che rende particolarmente originale questa paraliturgia a Ottana è l’adorazione all’interno di essa, dei brani de sa “Sa Cantzone de sa vida santa” di tziu Soru, illustre cittadino ottanese.

“ “Sa Cantzone de sa vida santa”-prosegue Sandro Carboni -  è un’opera di 226 ottave, una poesia che si ispira il Vecchio e il Nuovo Testamento e alcune di queste strofe, con il canto a tenore, accompagnano il rito de “s’Iscravamentu” durante il venerdi santo". Siamo orgogliosi di poter vantare una composizione che ci appartiene e che si annovera tra  i migliori componimenti  “in limba” della nostra isola.”

Presso la Cattedrale di San Nicola, dalle ore 19.00, le nostre telecamere riprenderanno i sentimenti che danno vita a un’esperienza unica ed emozionante, virtù di una comunità che si  rivela. Il rituale sarà presieduto dal parroco Don Sebastiano Corrias.

Altro appuntamento con la devozione e il fascino, culminerà il giorno di Pasqua con il rito de “s’incontru”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop