Oristano

Centro intermodale, parte il cantiere

I lavori saranno eseguiti dall’impresa Consorzio Stabile Medil S.C.A.R.L.

Centro intermodale, parte il cantiere

Di: Antonio Caria


Si è aperto oggi in via Ghilarza, con la consegna dei lavori all’impresa Consorzio Stabile Medil S.C.A.R.L., il cantiere del Centro intermodale di Oristano.

Erano presenti il Sindaco Andrea Lutzu, gli assessori ai lavori pubblici e all’urbanistica Francesco Pinna e Gianfranco Sedda, il dirigente tecnico del Comune Giuseppe Pinna, dei dirigenti di RFI, dell’ARST e dell’impresa appaltatrice.

L’impresa avrà ora 285 giorni di tempo per l’esecuzione dei lavori del primo lotto funzionale del Centro intermodale passeggeri e della stazione di interscambio per un importo di 2 milioni 400 mila euro. Il collaudo dovrà avvenire entro il mese di marzo 2020.

Gli interventi riguarderanno la realizzazione di un polo di interscambio modale tra gomma e ferro, integrando il trasporto pubblico su treno con quello sugli autobus. 

In programma anche la costruzione di una corte centrale che sarà stazione di scambio e spazio pubblico, circondata da un piazzale con le aree di arrivo e partenza degli autobus urbani ed extraurbani, per i taxi e per i parcheggi a raso dei mezzi privati con una capienza per 127 auto che si somma ad altri 110 posti disponibili in piazza Ungheria, via Nuoro e via Meucci. Altre aree di sosta saranno disponibili per le biciclette e i motocicli, mentre ai taxi saranno riservati 9 stalli. Nel complesso l’intervento interessa una superficie di 11 mila 750 metri quadrati.

Inoltre si procederà a prolungare il tunnel che consentirà di mettere in collegamento la stazione ferroviaria con il centro intermodale favorendo un agevole accesso da parte dei passeggeri che potranno così raggiungere facilmente il mezzo di trasporto da utilizzare (treno, bus, auto, moto, bici).

L’opera, finanziata con il Piano di azione e coesione, risale al 2008 quando Regione, Provincia e Comune sottoscrissero un Protocollo d’Intesa per la realizzazione dello studio di fattibilità. 

Un finanziamento regionale fu8 milioni di euro, ma nel 2015 la stessa Regione approvò una riprogrammazione che pur confermando la dotazione finanziaria suddivise le operazioni in due categorie a seconda della priorità, assegnando 4 milioni di euro agli interventi di priorità 1 e altri 4 milioni a quelli di priorità 2. Per il primo lotto funzionale oggi sono dunque disponibili 4 milioni di euro.

“Oggi prende finalmente il via un’opera lungamente attesa dalla città – ha sottolineato l’Assessore ai Lavori pubblici Francesco Pinna -. Il progetto del Centro intermodale sarà realizzato nell’area della stazione ferroviaria attraverso la riqualificazione urbanistica della stazione e dello scalo Si tratta di un progetto strategico per la città e il territorio: l’obiettivo è la realizzazione di un vero e proprio polo di interscambio modale tra gomma e ferro, integrando il trasporto pubblico su treno con quello sugli autobus. Sarà un salto di qualità per la città che finalmente vedrà realizzato un obiettivo strategico di cui si parla da molti anni. Un obiettivo altrettanto importante – ha concluso –, in linea con le finalità del Programma Oristano est, è la riqualificazione dell’area della stazione ferroviaria e delle sue pertinenze al fine di ricucire un tessuto urbano che da anni vive una condizione di degrado”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop