Cagliari

Presidio unitario a Roma. Presente anche una delegazione di lavoratori del Sulcis e Fiume Santo

Francesco Garau (Segretario regionale Filctem): “Preoccupati per i riflessi che potrebbe avere la chiusura anticipata al 2025 delle centrali a carbone”

Presidio unitario a Roma. Presente anche una delegazione di lavoratori del Sulcis e Fiume Santo

Di: Antonio Caria


Domani a Roma, al presidio organizzato da Cgil, Cisl Uil nazionali confederali e di categoria, sarà presente anche una delegazione di lavoratori dal Sulcis e da Fiume Santo. L’appuntamento è dalle 14.00 alle 18.00 davanti al ministero dello Sviluppo dove si svolgerà la riunione sul phase out dal carbone alla quale sono stati esclusi i sindacati.

“Siamo preoccupati – ha spiegato il segretario regionale Filctem Francesco Garau – per i riflessi che potrebbe avere la chiusura anticipata al 2025 delle centrali a carbone di Fiume Santo e Portovesme che il governo nazionale ha deciso senza garantire in che modo la rete elettrica sarda potrà mantenersi stabile ed efficiente, per le imprese e per i cittadini”.

Una mancata convocazione ha suscitato il disappunto delle segreterie nazionali che hanno chiesto con una lettera ufficiale di essere coinvolti nella discussione alla quale, per adesso, sono invitate le aziende produttrici, il Gestore della rete nazionale di trasporto e il ministero dell’ambiente.

La vertenza regionale riguarda in particolare la fase di transizione che prevede l’utilizzo del gas come fonte fossile fino al 2050 ma il cui utilizzo in Sardegna resta purtroppo in bilico per le titubanze del governo nazionale sul piano di metanizzazione.

“In gioco – ha aggiunto Garau – ci sono non solo i costi dell’energia per le imprese e per cittadini ma la stessa stabilità della rete elettrica, che non beneficia della continuità con quella nazionale e verrebbe seriamente compromessa se non si potesse disporre del metano come fonte di transizione indispensabile a dar corso alla decarbonizzazione”.

La vertenza è arrivata sul tavolo del ministro Di Maio ma la mancata convocazione delle organizzazioni sindacali è stata giudicata dagli stessi Sindacati inaccettabile e incomprensibile: da qui l’organizzazione del presidio, per far sentire la propria voce a tutela di tutti i lavoratori delle centrali e del settore industriale il cui destino è strettamente collegato, oltre che per avanzare le proposte utili ad arrivare con più certezze e stabilità agli obiettivi fissati al 2050 e condivisi a livello nazionale ed europeo.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardiniaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop