Quartu Sant'Elena

“Si allo sviluppo turistico ma rispettando l’ambiente”: approvati gli atti di indirizzo del Pul

Il Sindaco Stefano Delunas: “La costa diventerà motore trainante per lo sviluppo del turismo e la crescita dell’occupazione”

“Si allo sviluppo turistico ma rispettando l’ambiente”: approvati gli atti di indirizzo del Pul

Di: Antonio Caria


La Giunta comunale ha approvato all’unanimità gli atti di indirizzo del Piano di Utilizzo del Litorale, un passaggio decisivo per la definitiva trasformazione di Quartu Sant’Elena da città a vocazione turistica a città turistica.

Il punto base del nuovo piano sarà la conservazione e valorizzazione del litorale, cercando il miglior punto di incontro tra il soddisfacimento degli interessi pubblici, legati alla libera fruizione delle spiagge, e dell’interesse privato, inteso come possibilità di realizzare attività in grado di rendere adeguatamente produttiva la nostra costa.

Uno degli obiettivi è quello di implementare i servizi e gli spazi a disposizione degli utenti per l’esercizio di attività sportive, oltre che creare le condizioni economico-sociali per un nuovo sistema turistico basato sulla connessione tra paesaggio e sviluppo produttivo, nel totale rispetto delle normative di settore.

Non di secondaria importanza il piano di marketing con attività di ristorazione, ricettività, ricreative, d'intrattenimento e sportive, ma anche gli esercizi commerciali, collocate nelle aree retro demaniali, privilegiando in quelle demaniali le attività legate alla balneazione, seppure affiancate da chioschi bar di facile rimozione. Gli stessi stabilimenti cureranno i servizi pubblici.

Un’altra novità sarà la realizzazione di parcheggi di scambio, anche decentrati, e quindi anche in area urbana, adeguatamente servite dai mezzi pubblici. Resteranno comunque in essere i parcheggi già esistenti e inoltre verranno individuate in ambito retro demaniale extra-urbano specifiche aree camper.

Inoltre il Pul dovrà anche individuare un’area circoscritta e isolata per il turismo naturista, adeguatamente segnalata con apposita cartellonistica. Inoltre, con opportuni percorsi mirati anche alla salvaguardia dell’arenile, dovranno essere previsti accessi al mare per persone con disabilità motoria o problemi di deambulazione. Infine la protezione dunale sarà garantita anche con un limitato numero di percorsi di accesso alla spiaggia.

La delibera della Giunta sottolinea inoltre la necessità di prevedere la presenza di presidi di Protezione Civile e di Polizia Municipale, grazie ai quali possa aumentare nei frequentatori della spiaggia la percezione di sicurezza.

Nell’idea della Giunta il Poetto di Quartu dovrà avere la stessa fisionomia di quello di Cagliari, creando così un unicum ininterrotto da Marina Piccola sino al Margine Rosso.

“Con questi Atti di indirizzo stiamo mettendo le basi per il futuro turistico della città dei prossimi 30 anni – ha sottolineato il Sindaco Stefano Delunas -. Il Poetto di Quartu e tutto il litorale costiero fino a Geremeas infatti devono avere un ruolo da protagonista nell’economia cittadina, e cresceranno ulteriormente come motore trainante della città. Dovrà essere in grado di indurre i visitatori a fermarsi e programmare la permanenza, fornendo loro la possibilità di trovare e prenotare ogni servizio turistico. Il rispetto dell’ambiente dovrà essere il filo conduttore di tutte le attività che si concentreranno nella fascia costiera, in un’ottica di sviluppo sostenibile che dovrà quindi attenersi scrupolosamente alle normative. E perché la valorizzazione e la crescita del nostro litorale possano concretizzarsi è necessario avviare un importante operazione di marketing. Una volta stimata la redditività del progetto sarà possibile sviluppare la destinazione Quartu in tutto il suo potenziale. Perché la crescita del litorale – ha concluso il primo cittadino – e, conseguentemente, del turismo balneare, funge da traino per tutti gli altri settori del mercato, da quello culturale a quello sportivo, da quello congressuale a quello religioso, da quello camperisitco a quello legato ai concerti. Con tutte le ricadute che questo comporta, a partire dalla crescita dell’occupazione”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop