Burcei

Il sindaco Giovanna Zuncheddu ai pastori: “Molte delle cose che ho fatto e che ho sono dovute al loro sacrificio”

Il primo cittadino è vicina alle centinaia di famiglie in ginocchio per l'esiguo prezzo del latte

Il sindaco Giovanna Zuncheddu ai pastori: “Molte delle cose che ho fatto e che ho sono dovute al loro sacrificio”

Di: Alessandro Congia


«Prendo spunto da questa foto scattata circa 30 anni fa nel nostro ovile. Sono cresciuta in una famiglia di pastori e molte delle cose che ho fatto e che ho sono dovute al loro sacrificio. Il sacrificio di chi non si lamenta mai e lavora 365 giorni l’anno indipendentemente dalle avversità climatiche (estive o invernali), senza tirarsi indietro per nessun motivo, mettendo al primo posto il bestiame e non se stessi. Il sacrificio di chi non trascorre il Natale o la Pasqua a casa con la propria famiglia». 

Giovanna Zuncheddu, 37 anni, avvocato, non usa mezzi termini per dire la sua sulla difficile vertenza: è solidale con i pastori e gli allevatori della Sardegna che da giorni fanno sentire il loro grido di dolore: “Ciò che stiamo vedendo in questi giorni – dice - sono immagini che fanno piangere il cuore soprattutto se si conosce il sacrificio che c’è dietro quei gesti frutto della disperazione e dell’esasperazione.  Non è la prima volta che i pastori sono costretti a gesti forti al fine di far riconoscere la dignità al loro lavoro e ad un comparto troppo spesso maltrattato e ignorato.  Oggi si discute del prezzo del latte, un prezzo irrisorio quasi un insulto nei confronti di chi lo vende e che calpesta la dignità dei pastori e delle loro famiglie.  Per questo occorre essere uniti e sostenere il grido che viene dai nostri pastori. Lo farò, lo faremo consapevoli dell’importanza di questo comparto per la nostra economia e senza dimenticare le nostre origini e le nostre tradizioni”. 

Anche Burcei ha aderito alla protesta del giusto riconoscimento del prezzo del latte: “Ho partecipato, insieme agli assessori e consiglieri comunali – aggiunge Giovanna Zuncheddu - alla manifestazione che si è tenuta in piazza Repubblica. Ho partecipato da sindaco perché è doveroso stare accanto ai propri cittadini quando rivendicano diritti e dignità.  Ho partecipato anche da figlia, nipote, cugina e per il rapporto di amicizia che mi lega a tanti pastori,  quei pastori che ogni giorno, dignitosamente e silenziosamente, sostengono gran parte dell’economia della nostra terra. In questo gesto doloroso si sente il grido d’aiuto di una categoria che non chiede aiuti o sovvenzioni ma solo il riconoscimento di un giusto prezzo per il proprio lavoro. Sarò e saremo presenti al fianco dei pastori”. 

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop