Cagliari

Controlli dei Nas , sporcizia dentro il ristorante cinese: denunciata una 31enne

I militari dell’Arma hanno effettuato un blitz anche alla Marina, riscontrando numerose irregolarità e carenze igienico-sanitarie

Controlli dei Nas , sporcizia dentro il ristorante cinese: denunciata una 31enne

Di: Alessandro Congia


I Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità, insieme ai colleghi della Compagnia di via Nuoro, hanno intensificato i controlli per contrastare l’abusivismo commerciale e accertare irregolarità di natura igienico-sanitaria: in particolare è stato segnalato alle competenti Autorità Amministrativa e Sanitaria, Sikder Ohidul, cittadino del Bangladesh, 35enne, commerciante, ritenuto responsabile di “attivazione di deposito di alimenti senza le previste autorizzazioni e mancata attuazione delle procedure di autocontrollo”. 

I Carabinieri infatti hanno individuato un locale affittato dall’extracomunitario in via Napoli, accertando che lo stesso era stato adibito a deposito di alimenti e bevande senza averne dato preventiva notifica all’Autorità competente. 

All’interno del locale, di circa 40 metri quadri, c’era di tutto, conservato in pessime condizioni: materiale e le attrezzature per un valore approssimativo di 110mila euro, così come gli alimenti e le bevande presenti, per un valore commerciale complessivamente quantificato in circa 45mila euro, sottoposti a sequestro amministrativo, mentre le violazioni amministrative da contestare ammontano complessivamente a 5mila euro. 

In via Del Fangario, sempre a Cagliari, il sopralluogo all’interno di un ristorante – market cinese, i Carabinieri hanno denunciato all’Autorità Amministrativa e Sanitaria una donna 31enne di nazionalità cinese, titolare dell’attività commerciale: è responsabile di aver omesso di mantenere i requisiti minimi igienico strutturali del proprio esercizio, di aver omesso di tenere puliti e in buone condizioni i locali e le attrezzature del laboratorio di produzione e deposito alimenti e per aver omesso di applicare procedure di autocontrollo secondo il sistema HACCP. 

Non solo, nell’area dedicata a deposito delle materie prime e della cucina, ma anche in tutte le attrezzature presenti, sono state accertate gravi “carenze igienico strutturali dovute a presenza di sporcizia, notevole sporco pregresso, ragnatele, ruggine, pareti scrostate, alimenti poggiati sul pavimento e presenza di materiali non pertinenti all’attività”. 

Al termine del blitz la responsabile è stata diffidata dal “proseguire l’attività di preparazione e somministrazione di alimenti e bevande, con conseguente immediata chiusura dell’esercizio stesso, fino alla completa rimozione delle carenze riscontrate e al ripristino delle condizioni ottimali”. In questo caso specifico, le violazioni amministrative accertate per un valore complessivo di 3mila euro.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardiniaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop