Cagliari

Roghi a Quartucciu: arrestato 29enne di Sinnai

Rischia sino a dieci anni di carcere

Roghi a Quartucciu: arrestato 29enne di Sinnai

Di: Redazione Sardegna Live


Rischiano sino a dieci anni di carcere il 29enne di Sinnai e il 36enne di Santa Teresa arrestati dopo le indagini del Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Sardegna. Il primo sarebbe l'autore di diversi roghi a Quartucciu mentre il secondo sarebbe il responsabile di una serie di incendi boschivi e di interfaccia urbano-foresta, appiccati durante la scorsa estate e in quella di due anni fa in diverse località in territorio di Santa Teresa. Le operazioni si inquadrano nelle funzioni prioritarie antincendi boschivi del Corpo Forestale, la cui azione è rivolta non solo allo spegnimento, ma anche alla rimozione delle cause dell’evento. In questo caso gli arresti hanno consentito di “spegnere” decine di futuri incendi, provocati da un unico criminale seriale.

CAGLIARITANO. Le indagini dell’Ispettorato di Cagliari risalgono ai fatti dello scorso 13 agosto, quando numerosi cittadini avevano segnalato al numero di emergenza 1515 diversi roghi nella campagne di Quartucciu, in località Flumini Rio Corongiu-Sant’Isidoro che hanno impegnato per diverse ore le squadre del Corpo forestale, dei vigili dei fuoco e delle associazioni di volontariato. I danni, nonostante il vento in una zona densamente abitata, sono stati contenuti e le abitazioni tenute al sicuro grazie all'intervento rapido delle sette squadre in campo. Subito è entrato in azione anche il Nucleo di Polizia ambientale e forestale dell’Ispettorato di Cagliari che ha individuato un'unica mano su sei diversi fronti del fuoco.

Le indagini hanno considerato il ripetersi delle stesse dinamiche dell'incendi del mese precedente. L'11 luglio, infatti, erano stati infatti individuati altri sei focolai riconducibili allo stesso autore.

Le tecniche applicate dagli investigatori del Corpo forestale hanno consentito di simulare con precisione il percorso dell’indagato che si spostava utilizzando un ciclomotore. Il controllo dei filmati di impianti di videosorveglianza avrebbe permesso di completare il quadro di indizi gravi, numerosi e concordanti a carico di un 29enne residente a Sinnai. Su richiesta del pubblico ministero che ha coordinato le indagini, Rossella Spano, il giudice per le indagini Preliminari Giampaolo Casula ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari per il pericolo di reiterazione dei gravi delitti di incendio boschivo.

(Nella foto: incendio in via delle mimose 3 - Quartucciu)

GALLURA. Pericolo di reiterazione del reato anche per il presunto incendiario di Santa Teresa l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emanata dal gip del Tribunale di Tempio Pausania, Andrea Pastori, su richiesta del pubblico ministero Ilaria Corbelli. L'operazione è il frutto di mesi di lavoro del Nucleo investigativo dell'Ispettorato di Tempio Pausania del Corpo forestale, insieme al personale della Stazione e della Base navale di Palau.

Le indagini effettuate con osservazioni, appostamenti, pedinamenti, acquisizioni di testimonianze, materiale fotografico e video, ma anche tabulati telefonici e tracciati Gps, avrebbero consentito di delineare un quadro indiziario perfettamente aderente con il profilo psicologico di un soggetto che innesca gli incendi e subito dopo si spostava in punti panoramici per godere lo spettacolo, oppure si confonde tra gli operatori di lotta per partecipare attivamente allo spegnimento delle fiamme.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardiniaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop