Uta

Carcere, rissa nella sezione femminile: agente della Penitenziaria rimane ferita

Ennesimo atto di malessere nella casa circondariale "Ettore Scalas" di Cagliari-Uta

Carcere, rissa nella sezione femminile: agente della Penitenziaria rimane ferita

Di: Alessandro Congia


Ennesimo evento critico nell'Istituto cagliaritano, una violenta colluttazione si è scatenata nella sezione per futili motivi tra le detenute che nel rispetto delle disposizioni si trovavano libere di poter stazionare nei locali comuni. L'Agente intervenuta per prima a sedare la rissa è dovuta ricorrere alle cure del pronto soccorso dove le sono stati prognosticati 15 giorni e sono stati prescritti ulteriori accertamenti per la sospetta rottura dei tendini del braccio. 

A renderlo noto è il segretario generale della Uil-Pa Polizia Penitenziaria della Sardegna, Michele Cireddu: “Ancora una volta – dice - ci troviamo a sensibilizzare l'opinione pubblica e le Istituzioni sulla grave situazione in cui la Polizia Penitenziaria è costretta a svolgere il proprio difficilissimo lavoro. L'intervento della Poliziotta della sezione è stato provvidenziale , la rissa poteva avere un epilogo tragico, un intervento stoico ha scongiurato il peggio. Fortunatamente sono giunte immediatamente le altre Agenti dalle altre sezioni a dare manforte e con non poche difficoltà sono riuscite ad accompagnare le detenute nelle proprie camere e riportare la situazione alla normalità. Ad avere la peggio è comunque stata l'Agente che ha avuto una prognosi importante e dovrà sostenere diverse visite per scongiurare patologie ulteriori. Continuiamo imperterriti a sensibilizzare le Istituzioni e l'opinione pubblica sulle gravi criticità della Polizia Penitenziaria della Sardegna e scriveremo al Provveditore per limitare la cd sorveglianza dinamica in una struttura non adatta per una simile modalità di controllo. Soprattutto nel reparto femminile sono presenti troppe anomalie strutturali ed il personale è spesso impiegato in altri servizi come i numerosi piantonamenti in luogo esterno di cura o nella sorveglianza esterna dell'istituto. Le detenute sono problematiche e diverse presentano problemi psichiatrici, sono imprevedibili di conseguenza crediamo che il numero delle Agenti da impiegare nella sezione deve essere adeguato alle oggettive difficoltà. Al personale intervenuto va il plauso sincero e la grande riconoscenza da parte del nostro sindacato”.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardiniaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop