Siligo

“S. Elia di Monte Santo. Il primo cenobio benedettino della Sardegna”: mercoledì 14 febbraio la presentazione a Sassari

L’opera, curata da Giovanni Strinna e Giuseppe Zichi, sarà presentata nella sala della Fondazione di Sardegna

“S. Elia di Monte Santo. Il primo cenobio benedettino della Sardegna”: mercoledì 14 febbraio la presentazione a Sassari

Di: Antonio Caria


Uno dei luoghi simbolo del Meilogu ma anche di tutta la Sardegna: il Monte Santo a Siligo. Sulla vetta, posta a 733 metri di altezza, si trova la Chiesa di Sant’Elia ed Enoch, un antico edificio religioso a due navate risalente all’undicesimo secolo.

Assieme a santa Maria di Bubalis e Sant’Eliseo (su crastu ‘e santu Liseu), è stata oggetto di studio da parte di tanti studiosi di storia, i quali hanno sempre cercato di ricostruirne le origini. Tutti i tre che furono la dotazione del primo monastero benedettino della Sardegna.

L’ultimo lavoro, in ordine di tempo, relativo a questa Chiesa è “S. Elia di Monte Santo. Il primo cenobio benedettino della Sardegna”, curato Giovanni Strinna e Giuseppe Zichi, che sarà presentato mercoledì 14 febbraio alle 17.30, presso la sala della Fondazione di Sardegna in via Carlo Alberto 7 a Sassari.

L’opera (225 pagine), edita da “All’insegna del giglio” di Firenze, raccoglie il contributo di dodici importanti studiosi del settore (storici, archeologi, filologi, archivisti e storici dell’arte) ed è arricchita da un ampio apparato fotografico.

Il periodo cronologico oggetto dei saggi va dalla fase di età bizantina all’età tardo-medievale, con un salto ai giorni nostri per analizzare le vicende che riguardano quelle che riguardano la gestione e lo svolgimento della festa tradizionale di Sant’Elies, che ancora ai nostri giorni richiama un gran numero di pellegrini, e alle possibili prospettive del turismo culturale e religioso nel territorio di Monte Santo.

La serata, moderata da Donatella Carboni (Università di Sassari), vedrà la partecipazione, oltre che degli autori, dell’archeologo Raimondo Zucca, (Università di Sassari) e dello storico dell'arte Andrea Pala (Università di Cagliari). Previsti alcuni interventi musicali da parte del “Coro di Bonnanaro” che proporranno al pubblico alcuni brani del loro ampio repertorio.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop