Nuoro

Istigava alla jihad dal carcere di Badu 'e Carros: fermato un imam di 56 anni

Il segretario generale aggiunto Giovanni Villa: "Il detenuto era monitorato da tempo"

Istigava alla jihad dal carcere di Badu 'e Carros: fermato un imam di 56 anni

Di: Redazione Sardegna Live


Nella giornata di ieri, 6 dicembre, il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria, unitamente agli agenti del Reparto del carcere nuorese, su Disposizione della Procura Distrettuale di Cagliari, ha dato esecuzione a un mandato di arresto nei confronti di Belgacem Drabilia, algerino di 56 anni già detenuto presso il penitenziario di Badu ’e Carros a Nuoro, dove si trova tutt’ora a disposizione dell’autorità giudiziaria.

L’arrestato, fino a una decina di giorni fa richiuso nel carcere di Bancali, si era proclamato imam e nei suoi sermoni istigava alla jihad. Secondo quanto emerso dalle indagini, il detenuto inneggiava alla guerra santa e al martirio, fomentando l'odio e indottrinando gli altri reclusi con l'obiettivo di spingerli a commettere atti di terrorismo.

“Il costante monitoraggio del fenomeno sul radicalismo islamico da parte della Polizia penitenziaria all'interno degli Istituti penitenziari sardi ha portato e sta portando a compimento ottimi risultati – ha detto il segretario generale aggiunto Giovanni Villa -. Nel caso specifico, il detenuto era monitorato da tempo. Infatti, il risultato è quello che ne ha determinato l'arresto così come disposto dalla Procura distrettuale di  Cagliari. La Polizia penitenziaria è attenta e preparata per il monitoraggio e la prevenzione su questo fenomeno all’interno della carceri italiane e i risultati si vedono”.

L'algerino è ora a disposizione dell'autorità giudiziaria che dovrà decidere in merito al provvedimento di fermo.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop