Livorno

Orrore in Toscana: uccide gatto e lo cucina in strada

Protagonista un cittadino straniero, l'ira di una passante: "Fai schifo, pezzo di m..."

Di: Redazione Sardegna Live


Ha ucciso un gatto e si è messo a cucinarlo accendendo un fuoco sul marciapiede. Orrore questa mattina nei pressi della stazione di Campiglia (Livorno). Sul posto, in seguito a numerose segnalazioni, sono intervenuti i carabinieri che hanno identificato il responsabile dell'uccisione della bestiolina: un 21enne straniero. E' stato denunciato per uccisione di animali.

Il giovane è stato accompagnato in caserma in attesa che venga chiarita la sua posizione sul territorio nazionale. Quanto accaduto è stato filmato e postato su Facebook. Nel video si vede anche una donna su tutte le furie che si scaglia contro l'uomo: "Fai schifo, pezzo di m..., qui da noi i gatti si tengono in casa. Vergogna, guarda cosa stai facendo".

Sulla vicenda è intervenuta la candidata del centrodestra alla presidenza della Toscana, l'eurodeputata leghista Susanna Ceccardi, che ha commentato: "Non siamo al mercato degli animali di Wuhan ma in Toscana. Una scena mostruosa si è verificata stamani alla stazione di Campiglia Marittima in provincia di Livorno. Un immigrato - dice Ceccardi postando un video con la scena raccontata - ha arrostito un gatto su un falò improvvisato nella piazza della stazione davanti alle persone in attesa di prendere il treno. Un episodio agghiacciante nella sua brutalità, ma purtroppo del tutto vero".

"A richiamare l’attenzione dei passanti è stato il grido disperato di una donna, che inerme, ha cercato di fermare l’immigrato mentre si consumava questa scena straziante - aggiunge la leghista - . Questa non è integrazione. Questo è il risultato del sistema toscano dell’accoglienza con cui la sinistra ed il Pd hanno creato un vero e proprio business lasciando sbarcare nel nostro paese migliaia di immigrati che non hanno nessun interesse di integrarsi seguendo le nostre più basilari regole civili".

"Senza mostrare alcuna sensibilità nei confronti dell’animale, l’immigrato ha continuato senza vergogna a bruciare il povero gattino sul fuoco - accusa l'eurodeputata leghista - Alle persone che stamani hanno assistito a questa scena e che sono ancora scosse per l’accaduto voglio esprimere la mia solidarietà, per il coraggio che hanno avuto di intervenire e provare a mettere fine a questa brutalità anche se ormai per la bestiola innocente non c’era più nulla da fare".

"Mi complimento con i carabinieri che hanno arrestato l’aguzzino, adesso chiediamo una condanna esemplare perché nella nostra civiltà gli animali di affezione non si toccano e meritano la massima umanità ed il rispetto per tutto l’amore incondizionato che offrono senza chiedere niente in cambio", conclude Ceccardi.

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop