In Italia

25 aprile senza cortei, è la prima volta dal 1945

Si terranno comunque diversi flash mob e celebrazioni in forma ristretta

25 aprile senza cortei, è la prima volta dal 1945

Di: Redazione Sardegna Live


Nessun corteo e celebrazione pubblica per il 25 aprile a causa dell'emergenza coronavirus. Non accadeva dal 1945 che la festa della Liberazione non fosse un evento di popolo riempiendo strade e piazze d'Italia. In tutto il Paese si terranno comunque diversi flash mob.

L'appuntamento proposto dall'Anpi nazionale e accolto anche da molte città dell'Isola, prevede che alle ore 15 si canti "Bella Ciao" dalle finestre. A Cagliari, la tradizionale deposizione della corona d'alloro al parco delle Rimembranze avverrà unicamente alla presenza di Antonello Murgia (Anpi), Franco Boi (Comitato 25 aprile), e Maurizio Orrù (Anppia).

A Sassari, nel cortile di Palazzo Ducale, si terrà una celebrazione in forma ristretta. Il sindaco Nanni Campus deporrà una corona d'alloro a nome di tutta la municipalità e delle istituzioni, davanti al presidente del Consiglio comunale Maurilio Murru e dei capi gruppo, che rappresenteranno tutte le cittadine e i cittadini sassaresi. L'Amministrazione comunale farà sì che il tricolore sventoli dalle finestre del Palazzo Ducale e accoglie e rivolge l'invito dell'Anpi nazionale a esporre la bandiera italiana nelle finestre delle case.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha invitato gli italiani a non dimenticare il 75esimo anniversario della Liberazione. "La Resistenza e la fine della follia nazifascista rappresentano una riserva etica, di straordinario valore civile e istituzionale - ha detto - che oggi, ancora una volta, deve fornire al Paese quella potente energia comune per affrontare insieme la fase di rilancio".

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop