In Italia

Nessuna notte buia è infinita

La situazione è drammatica e incute paura. È una questione di buon senso. Stare a casa!

Nessuna notte buia è infinita

Di: Roberto Tangianu


Forse non avremmo mai immaginato di vivere un’esperienza simile. Nel 2020 mai avremmo pensato che qualcosa o qualcuno ci potesse obbligare a stare a casa. 

Fino ad oggi la vita di ognuno di noi era caratterizzata e segnata da appuntamenti da rispettare, riunioni, un posto di lavoro da raggiungere in modo puntuale, i bambini da accompagnare a scuola, la spesa da portare a casa, le cene con gli amici, relazioni sociali da intraprendere, amori da coltivare. 

Oggi, invece, tutto si è fermato. 

La priorità è un’altra: non dobbiamo più pensare solo a noi stessi, ma dobbiamo avere cura di non arrecare un danno agli altri con il nostro comportamento scorretto e irresponsabile. 

È una questione di buon senso. Stare a casa! 

È una regola che dobbiamo rispettare per tutelare la nostra salute, la salute dei nostri figli, dei nostri genitori, dei nostri amici e di tutte le persone che ci stanno accanto: il comportamento che adottiamo ha una ricaduta immediata su noi stessi e sugli altri. 

La situazione è drammatica e incute paura. 

Solo fino a qualche giorno fa parlare di coronavirus animava discussioni e infuocava la polemica.

Abbiamo letto commenti irripetibili a margine degli articoli pubblicati dalla nostra testata, che come altre ha la pretesa di raccogliere dati, contenuti e testimonianze e informare. 

Siamo stati accusati di aver pubblicato articoli acchiappa like con notizie infondate, che miravano all’incremento dei numeri. Non è mai stato così. La nostra missione è un’altra. Crediamo fortemente nel lavoro che portiamo avanti con impegno e spirito di responsabilità.

La situazione sembra essere cambiata. 

In tanti hanno maturato piena coscienza rispetto a ciò che sta succedendo, altri ci “arriveranno” con il passare delle ore e anche grazie alla campagna di sensibilizzazione che tutti stiamo mettendo in campo. 

Rimanere a casa, alla fine, resta la risposta più utile e immediata per arginare il fenomeno e arginare i contagi. 

A breve, credo, capiremo che queste giornate ci offriranno la possibilità di dare un valore ai piccoli gesti, alle abitudini quotidiane che ci sembrano scontate, a suggestioni riposte per la troppa frenesia.

In un abbraccio, quando tornerà ad essere anche fisico, ritroveremo quel sentimento d’amore universale che oggi appare sbiadito e un po’ maltrattato. 

Celentano nel 2007 cantava “La situazione non è buona” e quelle note fanno un po’ da colonna sonora ai tempi in cui viviamo, ma non abbiamo dubbi nel pensare e credere che ancora una volta, se lo vorremo, andrà tutto bene. 

Correlati

Il nuovo shop con prodotti tipici della Sardegna

SardegnaLive mette in vendita una serie di prodotti tipici dell’Isola, scopri i cesti regalo, i prodotti per il corpo ed i gadget nel nostro shop online.

Scopri lo shop